Temi del giorno:
Connect with facebook

Euro Futsal 2012: la Spagna festeggia il sesto titolo europeo

La Russia va ko nei supplementari. Le furie rosse pareggiano a 26 secondi dalla fine con un tiro di Lozano deviato e siglano il sorpasso grazie a una nuova deviazione. Il definitivo 3-1 arriva sulla sirena. Intanto l’Italia batte 3-1 la Croazia e conquista il podio

Euro Futsal 2012: la Spagna festeggia il sesto titolo europeo
Spagna ancora una volta padrona d'Europa. Ma questa volta la fortuna c'ha messo del suo

RUSSIA-SPAGNA 1-3 d.t.s. (1-1) – Ancora Spagna. Per la quarta volta consecutiva e per la sesta volta sulle otto edizioni disputate finora del campionato europeo. Questa volta le furie rosse hanno avuto dalla loro tanta, davvero tanta fortuna. La prima frazione termina a reti inviolate. A sette minuti dalla fine la Russia passa con un’azione personale di Pula. Poco dopo tra i russi viene espulso Cirilo e il ct spagnolo Venancio Lopez si gioca la carta del portiere di movimento. La Spagna attacca 5 Vs 3. La difesa della Russia è perfetta e il portiere Gustavo riesce a rispondere sempre alla grande alle conclusioni spagnole per tutti e due i minuti di inferiorità numerica. Sembra proprio che l’Europa del futsal sia destinata a cambiare padrone: a 26 secondi dalla fine, però, Lozano calcia, un difensore russo devia la palla che finisce inesorabilmente in rete spiazzando l’estremo difensore russo. Si va ai supplementari. Il primo extratime corre via senza grossi sussulti. Il secondo sembra incanalato sulla stessa strada, fino a quando Lozano tira fuori dal cilindro un nuovo colpo da flipper: il suo tiro dalla distanza prende la schiena di un difensore russo e spiazza nuovamente un esterrefatto Gustavo. Sorpasso spagnolo. Questa volta è la Russia costretta a inserire il portiere di movimento. La Spagna resiste, con Luis Amado e anche con l’aiuto del palo, e sulla sirena trova anche il 3-1 con Kike. Questa volta le furie rosse hanno sudato freddo. Ma in vetta all’Europa ci sono sempre loro. 

CROAZIA-ITALIA 1-3 – L’Italia è di bronzo. Dopo la magra spedizione di due anni fa in Ungheria gli azzurri tornano a sorridere e lo fanno regolando i padroni di casa della Croazia. Basta un minuto ad Assis per portare avanti la nostra nazionale. L’Italia potrebbe raddoppiare e va più volte vicina alla rete. Al 14’ occasionissima croata con Despotovic su cui è bravissimo Mammarella a chiudere in uscita. Al 5’ della ripresa l’Italia raddoppia con Honorio. Sotto di due reti il ct croato Stankovic butta subito dentro Novak come portiere di movimento, e basta poco per accorciare le distanze con Grcic. La Croazia spinge sull’acceleratore con il quinto uomo d’attacco, sospinta anche da una stracolma Zagreb Arena, ma a un minuto dalla fine il nostro portierone Mammarella blocca un tiro avversario e approfittando della porta vuota sigla il definitivo 3-1.

VERSO IL MONDIALE L’ultimo scoglio per gli azzurri prima di approdare al mondiale di Thailandia 2012 (1-18 novembre) è la Norvegia. Il doppio confronto con gli scandinavi inizierà in terra norvegese il prossimo 28 marzo allo Stjørdalshallen di Stjørdal, piccola cittadina di 20mila abitanti. Il ritorno in Italia (sede ancora da stabilire) ci sarà tra l’8 e l’11 aprile. Non esistono precedenti tra le due nazionali, ma i pronostici pendono tutti dalla nostra parte. «Considerando la lista delle potenziali avversarie, il sorteggio sulla carta sembra alla portata», ha commentato il ct azzurro Roberto Menichelli, «ma certamente è una sfida che nasconde tante insidie, anzitutto perché si tratta di un playoff per il campionato del Mondo: non conosciamo la Norvegia, ma se è riuscita ad arrivare a questo punto, evidentemente è una squadra di valore».
Gli altri accoppiamenti dei play off europei: Slovenia-Repubblica Ceca, Azerbaigian-Russia, Slovacchia-Spagna, Ungheria-Serbia, Bielorussia-Portogallo, Romania-Ucraina.