Tour, dagli sbadigli spunta Millar

Tour, dagli sbadigli spunta Millar

David Millar vince sul traguardo di Annonay Davèzieux la frazione più lunga del Tour. Giornata di pura vacanza per il gruppo.

Con 226 chilometri da percorrere era la tappa più lunga del Giro di Francia. Se poi ci mettiamo che dei cinque in fuga il più pericoloso per Wiggins pagava 25’ in classifica, ecco gli ingredienti per una soporifera frazione giornaliera. Alla fine è stato David Millar ad imporsi davanti al Francese Peraud, seguito a una manciata di secondi da Martinez, Gautier e Kiserlovsky. Aiutati dal gruppo rinunciatario per tutto il percorso i cinque eroi di giornata hanno raggiunto i 12’ minuti di vantaggio, tant’è che per vedere un po’ di pepe in corsa abbiamo dovuto attendere gli ultimi 4 chilometri con i soliti scatti e finte a iosa.

Per quanto possa sembrare poca cosa è stata tutta qui la noiosa 12^ frazione del Tour. Unica nota colorata quando il gruppo, giunto a circa 8 minuti, ha fatto la volata per il sesto posto. Goss ha Sagan a ruota, ma quando vede il campionino della Liquigas che se lo sta mangiando, furbescamente scarta alla sua sinistra, costringendo Sagan a desistere. Il resto è l’immagine rallentata del chiarissimo labiale di Peter che “invita” Goss ad ……andarsene in un certo posto!

Per il britannico David Millar, 35 anni, è la 4^ vittoria nella corsa francese. La tappa di domani è per velocisti e, guardando il percorso, per appassionati con vicino il bricco del caffé. Si partirà da St. Paul Trois.Chateux per aggiungere dopo 217 chilometri Le Cap d’Agde.