Fabbrizi colora d’argento il piattello

Fabbrizi colora d’argento il piattello

Nella finale del tiro a volo, specialità trap, l’azzurro con costanza scala quasi tutte le posizioni andando a prendersi l’argento olimpico.

Nella fossa olimpica un’altra grande giornata che si tinge, anche se solo parzialmente, d’azzurro. Ancora una soddisfazione dal tiro a volo, questa volta è Massimo Fabbrizi a tenere alto l’onore italico. Il carabiniere porta a casa un bellissimo risultato. Due soli errori in una finale tesa e governata dal vento.

Gli avversari cadono uno dopo l’altro a partire da Serrano e Glasnovic. L’unico a non cedere è l’esperto croato Cernogoraz che fa valere tutta la sua esperienza e, solamente dopo lo spareggio, porta a casa l’oro olimpico. Una gara fantastica che si decide allo scontro diretto non solo per quanto riguarda l’oro e l’argento ma anche per il bronzo. Da una parte Cernogoraz e il nostro Fabbrizi e dall’altra il rappresentante del Kuwait Aldeehani e l’australiano Diamond.

La corsa al bronzo si ferma dopo 4 piattelli supplementari con l’errore di Diamond ed il bronzo per Aldeehani. Più tirato lo shoot off per la medaglia più importante, il vento aumenta e un po’ di pioggerella bagna la fossa olimpica aumentando la difficoltà di ogni tiro. Alla fine è Fabbrizi a cedere sbagliando il sesto piattello. Una grande gara comunque che vede Cernogoraz e Massimo eguagliare il record olimpico per una finale.