Temi del giorno:
Connect with facebook

Per De Vecchi è game over

Niente da fare per il veronese nei quarti di finale della BMX: finisce qui la sua avventura. Batteria molto dura per lui, che ha quasi sempre concluso all'ultimo posto in ciascuna delle 5 run

Per De Vecchi è game over
(Getty Images)

Spettacolo doveva essere e spettacolo è stato. I quarti di finale del BMX maschile hanno infatti ancora una volta mandato in visibilio i seimila spettatori del BMX Park. Se ieri gli atleti hanno affrontato il percorso singolarmente sfidando il cronometro, oggi hanno battagliato in batterie da otto concorrenti ciascuno, con annesso corollario di contatti e cadute più o meno rovinose.

Spettacolare sebbene cervellotico il format di gara: tre run per ciascuna batteria, al termine delle quali i primi due concorrenti accedono direttamente alla semifinale, mentre i restanti sei si contendono altri due posti in due run aggiuntive. il sistema di punteggio è attribuito in maniera inversamente proporzionale alla classifica di ogni run: un punto al vincitore, otto all'ultimo classificato. Naturalmente, minore è il punteggio ottenuto dal singolo atleta, maggiore sarà il suo piazzamento. Quasi mai in gara De vecchi, penalizzato dal trovarsi in una batteria comprendente i migliori al mondo: eppure per il veronese le cose si erano messe molto bene, dal momento che nella prima run è stato abilissimo a sfruttare un maxi-ruzzolone di gruppo e piazzarsi al secondo posto. Ma nelle restanti batterie, il veronese è sempre finito in fondo al gruppo e il sogno della semifinale è sfumato.

Domani semifinali e finali, maschili e femminili. Non ci sarà più un azzurro, ma certamente ci sarà ancora grandissimo spettacolo.