Emozioni Taekwondo: Molfetta è d'oro

Emozioni Taekwondo: Molfetta è d'oro

Una finale spettacolare nella categoria over 80kg del Taekwondo con Carlo Molfetta che si aggiudica l'oro contro il gabonese Anthony Obame. Una medaglia storica per l'Italia dopo l'argento ed il bronzo di Sarmiento tra Pechino e Londra, una medagli vinta per superiorità su decisione degli arbitri dopo che i tre round ed il golden point si erano conclusi in parità.

L'Olimpiade si racchiude anche nella festa e nelle emozioni di una medaglia che arriva da uno sport che, solitamente, in pochissimi seguono, figurarsi se poi la medaglia è d'oro. Carlo Molfetta ha fatto l'impresa battendo sul tatami, nella categoria over 80kg del taekwondo, il gabonese Obame e potendo così mettersi al collo il riconoscimento più alto nello sport, 8 anni dopo la sua finora unica apparizione olimpica ad Atene. Una sfida avvincente, giocata tra due lottatori che inizialmente non erano certo tra i favoriti ma che nella giornata di oggi sono riusciti, passo dopo passo, ad arrivare a questa tanto agognata finale.

PRIMA RIPRESA - E' un duro inizio per l'azzurro perchè, apparantemente passato in vantaggio 1-0, dopo una richiesta di video replay del Gabon, passa sotto 0-4 per un colpo al caschetto ed una irregolarità assegnatagli. La prima ripresa si chiude poi 1-6, con l'italiano in difficoltà.

SECONDA RIPRESA - Obame attende, Molfetta però deve reagire e lo fa in dieci secondi, piazzando due colpi ottimi che lo portano sul 3-6. La rimonta si può fare, l'italiano c'è ancora, non molla.

TERZA RIPRESA - parte forte ancora Molfetta che piazza un buon colpo: 4-6. Ma Obame ha le leve lunghe e le sfrutta appieno portando un altro colpo al caschetto dell'azzurro che va a segno. 4-9 per il Gabon, m a è a questo punto che Molfetta sfodera la sua grinta e la sua classe, assestando prima un uno-due che lo porta a meno tre, e negli ultimi 20 secondi un calcio volante che va dritto sul caschetto di Obame, portando tre punti all'azzurro e la parità, 9-9.

GOLDEN POINT - Il primo che porta a segno un colpo, vince, è la dura legge del taekwondo. I due si studiano, paiono non avere fretta o forse nessuno vuole perdere proprio adesso che l'oro è così vicino. Molfetta pare però più aggressivo e prova ad attaccare, ma Obame si difende bene, nulla di fatto, alla fine del tempo è 0-0.

A questo punto sono i giudici a decidere, in base all'andamento del match ed alle abilità dei due lottatori. Sul tappeto un bellissimo gesto dei due che si abbracciano e, praticamente, si presentano a vicenda al pubblico come i vincitori: comunque andrà abbiamo vinto entrambi alla fine. Ma l'oro lo può avere soltanto uno ed i giudici scelgono: Carlo Molfetta è oro! Il primo storico oro nel taekwondo per l'Italia, un'impresa sportiva memorabile quella portata a termine stasera dal lottatore pugliese che regala così al nostro Paese la 23/a medaglia dei Giochi.