World League 2012, Italia a riposo: scende in campo la Pool D

Completato il primo turno con le partite della Pool D a Francoforte, l’Italia è l’unica Nazionale imbattuta e la prima in classifica con il punteggio più alto

World League 2012, Italia a riposo: scende in campo la Pool D
La solidità del gruppo in campo a Firenze (Foto: Elena Zanutto)

FLASH AZZURRI – Qualcuno è al mare, qualcuno in Messico o a Parigi: gli Azzurri dell’Italvolley, dopo l’impresa di Sofia che è valsa la qualificazioneall’Olimpiade e dopo il debutto vincente in World League a Firenze, si stanno godendo due settimane di meritate vacanze. Come annunciato dal c.t. Berruto nei prossimi due appuntamenti verrà schierata la Nazionale B, quella dei non titolari che fanno parte della rosa dei 25 convocati. A Milano, presso il Centro Federale Pavesi, si sono riuniti da ieri in tarda serata i 14 che, sotto la guida di Paolo Montagnani, prepareranno le prossime sfide di World League a Lione (15-17 giugno) e Dallas (29 giugno –1 luglio): i palleggiatori Baranowicz e Falaschi, i centrali Barone, Buti, Cester e De Togni, gli schiacciatori De Marchi, Lanza, Maruotti e Rosso, gli opposti Sabbi e Vettori, i liberi Giovi e Rossini. A dire il vero Buti, Sabbi e Giovi si sono già distinti a Firenze in virtù del turnover applicato da Berruto: chiamati in campo dal c.t., Buti e Giovi in particolare non hanno fatto rimpiangere Mastrangelo e Bari.
Il gruppo dei titolari tornerà a lavorare insieme dal 4 al 12 giugno a Cavalese (Trento).


IL VOLLEY IN TV – Dopo l’adrenalina delle due settimane di Sofia e Firenze la Nazionale maschile si concede un po’ di riposo, ma trova il tempo per promuovere la pallavolo attraverso il canale televisivo. Mauro Berruto è stato ospite su Rai Uno della trasmissione “Uno Mattina – Storie vere”, dove ha esaltato – con umiltà, ma determinazione – le qualità della pallavolo come “sport di squadra vero, l’unico al mondo in cui il passaggio è obbligatorio da regolamento”. Il coach dell’Italvolley ha, poi, rivendicato il ruolo fondamentale degli allenatori in quanto modelli decisivi per gli atleti: “è una necessità della leadership, quella di essere esempi viventi”. Parole che superano i confini dell’ambito sportivo e diventano linee-guida della morale e dell’etica della società civile.
Nella trasmissione “Tg2 Insieme” sono intervenuti il presidente federale Carlo Magri, accompagnato da Andrea Giani, Gigi Mastrangelo, Simona Rinieri e Milena Stacchiotti. Anche in questa occasione si è sottolineata l’importanza del gioco di squadra: la coesione del gruppo, l’intesa e la complicità tra i giocatori sono proprio uno dei punti di forza della nostra Nazionale.

BENTORNATO JACK! La notizia è stata salutata da decine di messaggi su Twitter: tutto il mondo del volley, dagli addetti ai lavori agli appassionati, ha voluto congratularsi con Jack Sintini per la notizia del suo ingaggio nella Trentino Volley. Il contratto, biennale fino al 2014, lo vedrà in campo con la maglia numero 2, che simboleggia la seconda vita agonistica di Jack. Tutto è nato da un messaggio scritto da Berruto: “Non vedo l’ora di vedere in campo Jack Sintini in versione 2.0”.
Il palleggiatore romagnolo, al quale 11 mesi fa era stato diagnosticato un tumore al sistema linfatico, ha lottato e vinto la battaglia per la vita: il 9 maggio ha superato le visite mediche per ottenere l’idoneità sportiva e sta lavorando quotidianamente per presentarsi ad agosto in ottime condizioni. Nel frattempo ha fondato un’Associazione che raccoglie fondi per la ricerca medica (tutte le informazioni sulla sua pagina Facebook).
Jack tiene costantemente informati sulle proprie condizioni e sulle proprie attività attraverso il canale Twitter, uno strumento utile per comunicare a tante persone il proprio esempio di vita, la propria forza d’animo, a dare speranza a chi si trova in difficoltà: è un modello vivente che nella vita bisogna lottare duramente… e a volte i miracoli succedono davvero.

WORLD LEAGUE, POOL D: i risultati
Lo scorso weekend si è completato il primo turno di World League: a Francoforte è scesa in campo la Pool D con Germania, Argentina, Bulgaria e Portogallo.
Come da pronostico la Germania domina le prime due partite, mentre cede la vittoria alla Bulgaria in quella che è stata la rivincita della semifinale di Sofia in cui saltò addirittura la panchina di Stoytchev (poi subito richiamato).
Ancora scostante il sestetto bulgaro, che ha esordito con una sonora sconfitta ad opera dell’Argentina; la Nazionale sudamericana può rappresentare la sorpresa nel passaggio alla fase finale (ricordiamo che la Bulgaria è già qualificata alla Final Six in quanto paese organizzatore).
Poco competitivo il Portogallo, che chiude a 0 punti: la squadra è in una fase di rinnovamento, con tanti giovani nella rosa.

1^ giornata
BULGARIA – ARGENTINA 0-3
(16-25, 18-25, 21-25)
PORTOGALLO – GERMANIA O-3
(23-25, 15-25, 18-25)

2^ giornata
PORTOGALLO – BULGARIA 0-3
(22-25, 16-25, 12-25)
GERMANIA – ARGENTINA 3-0
(25-18, 25-17, 26-24)

3^giornata
ARGENTINA – PORTOGALLO 3-0
(28-26, 25-20, 25-21)
GERMANIA – BULGARIA 1-3
(22-25, 21-25, 25-19, 23-25)

PROSSIMO TURNO – Il prossimo weekend (1-3 giugno) scenderà in campo in Polonia la Pool B (Polonia, Brasile, Finlandia, Canada).
Prossimo appuntamento per l’Italia dal 15 al 17 giugno a Lione.