Venezia sfiora l’impresa a Milano

L’EA7 vince a fatica gara 2 dei quarti di finale. 89 a 83 il risultato finale. Prova straordinaria di Fotsis che finisce l’incontro con 19 punti e 12 rimbalzi

Venezia sfiora l’impresa a Milano
LaPresse
Milano
89
83
Venezia
LaPresse

Chi al Forum avesse pensato che dopo la prima partita tutto fosse più semplice ha commesso un grave errore. Venezia è viva e, anche dopo la sconfitta di stasera, darà del filo da torcere a Milano fino alla fine. Scariolo rimette in quintetto Bourousis che ha smaltito quasi completamente i problemi intestinali che lo affliggevano in gara 1.

Il greco semina subito il panico in area veneziana segnando 7 punti  nei primi cinque minuti di gioco (13-8). La coppia Slay-Young mantiene la Reyer in partita, complice anche una difesa abbastanza allegra da parte degli uomini di Scariolo. Quando Bourousis esce per rifiatare è il compagno di nazionale Fotsis a rimettere le ali a Milano. Venezia non trova il canestro  segnando solo sei punti in tre minuti e il quarto si chiude con l’EA7 in vantaggio per 26 a 18.

La seconda frazione inizia con Szewczyk che commette secondo e terzo fallo in un amen. Il polacco in questa serie di playoff sembra la brutta copia del giocatore visto in regular season. Su un’azione di contropiede di Venezia Szewczyk, innervosito dai fischi arbitrali, schiaccia di prepotenza e tornando verso la propria area dice qualcosa in faccia all’arbitro Facchini. Fallo tecnico e quarto fallo personale. Milano prova a scappare ma tre triple di Young, Rosselli e Clark riportano la Reyer a -1 (32 a31). Bourousis ripaga con la stessa moneta dando il via a un parziale milanese di 13 a 1 (45 a 32 al 17’).  La partita è accesa e Venezia piazza un contro break di 8 a 0 che chiude il quarto sul 45 a 40. Pur con una valutazione di squadra inferiore (36 contro 50) e percentuali al tiro peggiori, l’Umana si trova perfettamente in partita.

Al rientro in campo l’Olimpia cerca più volte di trovare il colpo del KO per spezzare la partita ma Venezia ribatte colpo su colpo. I greci di Milano sono sicuramente i migliori in campo ma dall’altra parte è l’ora di Bowers che segna 10 punti in 8 minuti (65 a 61 al 28’). La squadra di Scariolo, forse troppo rinunciataria in difesa, ha un blackout e la Reyer ne approfitta portandosi incredibilmente in vantaggio alla fine del terzo tempo (65 a 67). Nell’ultimo quarto Venezia rimane avanti per quasi sette minuti (81 a 83) respingendo sempre il ritorno di Milano. E’ Clark , con 8 punti, a guidare i suoi alla ricerca di una meritata vittoria. I veneti però a tre minuti dalla fine hanno già raggiunto il bonus dei 5 falli. Scariolo getta nella mischia il guerriero Rocca. L’Olimpia stringe finalmente le maglie della difesa e Venezia non segna più. Gli otto tiri liberi a disposizione di Milano vengono convertiti tutti in punti da Rocca, Fotsis e Gentile. Milano è salva e vince faticosamente per 89 a 83. La serie si sposta ora a Treviso dove l’Umana cercherà di ribaltare il punteggio che la vede soccombere al momento per 2 a 0.

Milano: Bourousis 20, Fotsis 19, Hairston 15 – Venezia: Young 21, Clark 17, Bowers 14

Altri risultati dei quarti di finale                                         

Montepaschi Siena-Cimberio Varese 88 a 72

Banco di Sardegna Sassari-Canadian Solar Bologna  88-86

Bennet Cantù-Scavolini Siviglia Pesaro 74-47