Attacco di Blatter: "Mondiale 2006 comprato dalla Germania"

In un'intervista al quotidiano svizzero Blick, il presidente della Fifa Blatter ha accusato la Germana di aver ottenuto l'assegnazione del mondiale 2006 in maniera illegale. La Germania risponde indignata.

Attacco di Blatter: "Mondiale 2006 comprato dalla Germania"
(Reuters Pictures)

Quando gli hanno chiesto qualcosa riguardo al presunto le irregolarità delle assegnazioni dei mondiali 2018 e 2022 (rispettivamente a Russia e Qatar) sono cadute pesanti accuse, o meglio, "constatazioni", come le chiama lui, da parte di Joseph Blatter, attuale presidente della Fifa. Ecco le parole nel n.1del calcio mondiale: "Mondiali comprati: mi ricordo l'assegnazione per il 2006 - continua Blatter - quando all'ultimo momento qualcuno lasciò la sala, così invece di una votazione 10 a 10 si ebbe un 10 a 9 in favore della Germania". Tuttavia, lui si difende dicendo: "Non presumo nulla, io constato". Dalla Germania la risposta è arrivato subito, indignata: «queste nebulose allusioni sono assolutamente infondate» dice il segretario del Dfb, la federazione tedesca, Helmut Sandrock, mentre Beckenbauer, eroe del Bayern e del paese intero, definisce queste allusioni incomprensibili. Il collaboratre di quest'ultimo nel 2006 ed attuale presidente della federcalcio tedesca, è Wolfgang Niersbach, che ha replicato in questo modo: "Non posso proprio comprendere le dichiarazioni e le allusioni di Sepp Blatter. Sbaglia già nel risultato. Fu 12 a 11 per noi e non 10 a 9. E fu decisivo che gli otto europei avessero votato compatti per noi". Uno dei giornali più diffusi del paese, il "Sueddeutsche Zeitung", ha oggi scritto nelle sue pagine: "Sulle circostanze in base alle quali la Germania ottenne l'assegnazione dei Mondiali circolano da anni storie misteriose, ma il fatto che il presidente della Fifa alluda a un possibile acquisto di voti rappresenta un salto di qualità". Sempre la SZ ricorda che ad abbamdonare la seduta, in circostanze poco chiare, fu il rappresentante neozelandese Charles Dempsey, che riuscì quindi a far vincere la Germania, ma è purtroppo morto nel 2008. Se così fosse, le circostanze rappresenterebbero un bel passo falso per quella che è l'entità che coordina il calcio odierno. Tuttavia, per noi italiani non tutto il male è venuto (forse) per nuocere: chissà chi avrebbe vinto il mondiale del 2006, se si fosse svolto in Sudafrica.