La Spagna delle meraviglie mette alla prova Deschamps

La squadra di Del Bosque è imbattuta da 22 partite ufficiali e questa sera ospita la Francia di Deschamps nella partita piú affascinante di questo turno di qualificazioni.

La Spagna delle meraviglie mette alla prova Deschamps
Getty Images
Spagna
Francia / 21:00

“Un pareggio sarebbe un bel regalo di compleanno”. Le parole del selezionatore francese Didier Deschamps, che oggi compie 44 anni, rendono bene l’idea dell’atteggiamento con cui si affronta oggigiorno la nazionale spagnola. Questa sera la sua Francia gioca nel Calderon di Madrid (h 21:00) contro la Spagna di Del Bosque, campione del mondo e d’Europa in carica e imbattuta in incontri ufficiali dallo 0-1 nell’esordio del Mundial di Sudafrica : fanno 22 partite senza sconfitta per un gruppo che ha saputo rigenerarsi cambiando pochi elementi e conservando la propria identità: fútbol d’attacco e possesso-palla, secondo la “libreta” del FC Barcellona.

Le soluzioni per Del Bosque sono molteplici. Martedí scorso è stato Pedro a risolvere la gara con la Bielorussia, con una tripletta che, a detta dello stesso giocatore del Barça, non aveva precedenti. “Non ho mai segnato una tripletta in vita mia” ha detto il canario dopo il match. È la magia di una squadra senza eguali.

La Francia ha assaggiato la potenza della Roja nell’ultimo Europeo, eliminata nei quarti di finale con un 2-0 (doppietta di X.Alonso). Sulla panchina francese c’era ancora Blanc. Deschamps è chiamato a riportare la selezione ai livelli cui si erano abituati sul finire degli anni ’90, quando con l’ex juventino in campo e il funambolo Zidane la Francia conquistò Mondiale ed Europeo. Partita di cartello di questa quarta giornata di qualificazioni ai Mondiali 2014, Spagna-Francia è una classica del calcio europeo: c’era un tempo in cui i ruoli erano invertiti e indelebile rimane la finale dell’europeo del 1984, con Platini dominatore e la Francia vittoriosa in finale sugli spagnoli per 2-0.

Entrambe guidano il girone a pari punti e a punteggio pieno, dunque il match di stasera è uno spareggio per decidere chi si metterà alla testa del gruppo. La Francia si affida ai piedi buoni di Menez e alla fantasia di Ribery, mentre non ci sará Nasri. Il centrocampista del City ha scontato  una squalifica di tre turni per aver insultato i giornalisti francesi dopo i quarti di finale dell’ultimo Europeo, ma secondo Deschamps non è ancora il momento di farlo rientrare nel gruppo: “Non credo sia il miglior momento per  richiamarlo” ha detto “preferisco aspettare ancora un po’”.

Sarebbe stato utile per servire palloni giocabili a Benzema, osservato speciale e nemico pubblico n. 1 per gli spagnoli. Benzema peró non segna con la nazionale dal settembre 2011. "Ma i grandi calciatori appaiono nelle partite importanti e questa lo é" ha detto Deschamps per caricarlo. Le possibilità di successo questa sera passano anche dalle mani di Lloris, in crisi dopo il passaggio al Tottenham e in cerca del riscatto con la nazionale.

Dall’altra parte Del Bosque potrebbe schierare Fabregas come “falso 9” supportato da Iniesta, Busquets, Xavi e Silva. Sergio Ramos sta meglio e dovrebbe giocare dal primo minuto. Partita da non perdere e Spagna favoritissima secondo i bookmakers: la vittoria della Roja è data a 1,45-1,50, il pareggio a 4-4,5 e la vittoria francese a 9.