Götze-Robben: Rinnovi col botto

Götze-Robben: Rinnovi col botto
Getty Images

Mezza Europa li seguiva, mezza Europa li ha perduti. Il calcio tedesco si tiene caro caro i suoi due talenti probabilmente più rappresentativi, di certo i più celebri dell'ultimo periodo. 

Mario Gotze, nato a Mammingen nel Giugno del 1992, è per molti il giovani più puro, più talentuoso e con più futuro di Germania. Non ci sentiamo di smentire ciò che "si dice", nè di aggiungere altro: basta e avanza. Il "piccolo fenomeno" di casa Dortmund ha già dimostrato tutto il suo valore in questi suoi due anni giocati a livelli impressionanti, tanto da destare l'attenzione dei maggiori club in giro per l'Europa. Abbiamo avuto notizie di interessamenti, seppur solo telefonici , di squadre come Arsenal (sempre attenta ai giovani prodigi), Real e Juventus. Però, come ormai è risaputo, al destino (e soprattutto al cuor) non si comanda. Il rinnovo è arrivato in fretta, sintomo che il calcio tedesco vuole continuare a migliorare e a stupire nei momenti importanti, cosa che negli ultimi anni è risultata ardua e complicata. Contratto quadriennale sino al 2016, roba che a Dortmund sembrava utopia: quel fatidico "voglio vincere qui" ha eliminato tutti i dubbi. Il pubblico Giallonero non aspettava altro, vuole continuare a lustrarsi gli occhi e a godere del suo gioiellino più caro. Ora manca solo il suo ritorno al Westfalen Stadion dopo l'antipatico infortunio che l'ha tenuto fuori mezza stagione. "Resto per il progetto Dortmund e per Marco" ha aggiunto Gotze: infatti Marco, Marco Reus, come noto da ormai qualche mese, è il colpo di Giugno già concluso dalla società Giallonera. Ciò che si prospetta sarà un squadra che nella prossima annata potrà vantare tantissimi giovani di spessore e qualità e che potrà impensierire anche le Big in Champions League. Perchè in fondo loro sono piccini piccini, ma con un gruppo del genere fanno veramente tanta tanta paura.

Nel pomeriggio è giunta un'altra scoppiettante notizia dalla seconda (per ora) squadra del campionato tedesco: il Bayern di Heynckes. Le voci che davano Arjen "Alien" Robben lontano da Monaco già dalla prossima stagione erano insistenti. Soprattutto per via di un uomo, Sir Alex Ferguson, che lo voleva a tutti i costi. Eh già, lo voleva, perchè alle ore 13.00 circa il fenomeno olandese ha firmato col botto un contratto sino al 2015 con i Bavaresi, lasciando di stucco i maggiori club che si erano mossi per agguantare il suo oneroso ma importantissimo cartellino. Dopo i "non sono sicuro" e i "non lo so se resterò", Arjen ha deciso di prolungare la sua permanenza nella capitale calcistica tedesca. Sarà che la birra lì la fanno buona, sarà che l'Allianz Arena è allettante per ogni professionista, sarà che Manchester come città è, onestamente, tristissima, sarà che il signor Robben crede nell'ormai suo Bayern e nel calcio tedesco.