Temi del giorno:
Connect with facebook

Inghilterra: è tempo di verifiche per Hodgson

L'amichevole di questa sera contro la Norvegia rappresenta un buon test per la squadra inglese prima dell'inizio dell'Europeo: Hodgson cercherà di verificare lo stato di forma di tutti i suoi giocatori contro un avversario ad hoc. Escluso Rooney, squalificato per le prime due partite del torneo, al suo posto gioca Carroll.

Inghilterra
Norvegia / 20:45

Storicamente l'Inghilterra si propone come una delle formazioni candidate alla vittoria finale dei tornei cui partecipa, continentali o mondiali che siano: tuttavia sono ormai molti anni che la nazionale britannica non riesce a portare a casa un risultato degno del suo blasone: ora, a meno di un mese dalla delicatissima sfida d'apertura in programma l'11 Giugno contro la Francia di Laurent Blanc. Molte sono le situazioni contingenti che hanno portato ad imfortuni importanti o a sorteggi sfortunati, ma onestamente il palmarès inglese è tutt'altro che adeguato alla fama di cui gode: un solo trofeo internazionale vinto, ovvero il Campionato del Mondo 1968 giocati proprio su suolo britannico; di Campionati Europei, invece, nenache l'ombra e come miglior risultato una semifinale nell'edizione 1996 (anch'sso in Inghilterra) dove la squadra dei tre leoni venne sconfitta dalla Germania, laureatasi poi campione. A ben vedere la storia della naionale inglese nei tornei internazionali, soprattutto gli Europei, non è molto esaltante, ma la formazione prevede sempre una rosa sulla carta molto competitiva.

NUOVO C.T. - A pochi mesi dall'inizio di Euro 2012 la nazionale cambia allenatore, con l'uscente Capello sostituito da una vecchia conoscenza del calcio italiano, quel Roy Hodgson che guidò l'Inter senza ottenere risultati gloriosi: Capello, dopo circa cinque anni al timone e costantemente criticato ad ogni scelta, rassegna le dimissioni l'8 Febbraio 2012 a causa di uno scontro diplomatico con la Football Association nglese, rea di aver destituito John Terry dalla fascia di capitano (a causa della bufera razzismo contro Anton Ferdinand) senza consultare l'allenatore, assolutamente avverso a tale ipotesi almeno fino a prova contraria. La rottura si è rivelata insanabile, e dopo qualche mese la FA ha assegnato l'incarico all'attuale allenatore del West Bromwich Albion, dove Hodgson è subentrato nel Febbraio 2011 in sostituzione di Roberto Di Matteo, fresco comapione d'Europa con il Chelsea. 

CONVOCAZIONI - Proprio il blocco Chelsea, rappresentato da Cahill, Terry, Cole e Lampard, insieme a molti altri innesti di qualità dovrebbero portare quell'esperienza vincete in grado di far superare lo storico problema psicologico che affligge questa nazionale nei grandi appuntamenti internazionali: la rosa è ampia e di valore, tutto ciò che necessita è forte coesione e stabilità nei momenti più delicati. Le convocazioni di Hodgson hanno proposto qualche esclusione eccellente accompagnata da sorprese dell'ultimo momento: gli esclusi più importanti sono certamente Rio Ferdinand, centrale titolare da anni, e Peter Crouch, attaccante sempre dedito alla causa della sua nazionale. Le novità, che aiuteranno i vari senatori Barry, Lampard, Gerrard e Rooney, sono Chamberlain dell'Arsenal e Welbeck dello United, entrambi autori di un campionato di livello.

NORVEGIA - La sfida con la Norvegia va considerata come il classico appuntamento soft per verificare che tutto funzioni a dovere: la squadra scandinava infatti non è riuscita a superare il turno di qualificazione per l'Europeo, il che racconta il valore di questa compagine formata da vecchie conoscenze del calcio italiano: su tutti Riise e Carew, entrambi noti alla piazza giallorossa, e l'ex Bari Huseklepp. La formazione di Olsen agirà in prospettiva, tentando senza pressioni di far maturare esperienza alle giovani leve per provare a raggiungere in futuo la convocazione al mondiale sudamericano del 2014.