Il PSG si riporta a -3 dalla vetta

Grazie alla vittoria per 1-0 contro il St. Etienne al Parco dei Principi, il PSG ritorna a -3 dalla capolista Montpellier fermata ieri sera dall’Evian Thonon Gaillard. Sblocca la partita il PSG con la rete siglata dal brasiliano Nene (21’) su un rigore molto generoso concesso dall’arbitro Ennjimi consigliato malamente dal guardialinee, chiude Pastore all’88’.

Il PSG si riporta a -3 dalla vetta
Nene spiazza Ruffier per l'1-0
PSG
2 0
St.Etienne
PSG: Sirigu - Jallet, Camara, Alex, Arnaud - Thiago Motta, Bodmer (64’ Sissoko), Maxwell (73’ Matuidi) - Nene (79’ Hoarau), Pastore, Menez
St.Etienne: Ruffier - Perrin (24’ Ebondo), Mignot, Marchal, Ghoulam - Lemoine, Guilavogui - Diomandé, Sako (74’ Gradel) - Aubameyang, Nicolita (59’ Sinama-Pongolle)
SCORE: 1-0, min.21’, Nene (PSG). 2-0, min. 88’, Pastore (PSG).
ARBITRO: Saïd Ennjimi
NOTE: Ammoniti: 4’ Menez (PSG), 20’ Marchal (St.Etienne), 30’ Thiago Motta (PSG), 65’ Mignot (St.Etienne), 72’ Lemoine (St.Etienne) Minuti di recupero: 1’pt, 3’ st. La partita si è giocata al Parco dei Principi.

I precedenti preludevano ad un risultato scontato perchè in 30 partite al Parco dei Principi contro i verdi il PSG aveva ottenuto 19 vittorie, 9 pareggi e solo 2 sconfitte e la partita odierna ha rafforzato ancor di piu’ i numeri. All’andata, il 21 Dicembre 2011, il PSG si era imposto in trasferta per 1-0 con una rete di testa di Bodmer in quella che era stata l’ultima apparizione in panchina per Kombuarè, poi sostituito da Ancelotti.L’ultimo incontro al Parco dei Principi invece aveva visto il PSG imporsi per 3-1 sugli uomini di Christophe Galtier durante la stagione 2010/11. 

Rispetto alla formazione che domenica sera aveva affrontato il Lilla, Ancelotti cambia cinque giocatori togliendo Tienè, Matuidi, Sissoko e Gameiro inserendo Armand terzino sinistro, Bodmer per il maliano con Maxwell a completare il centrocampo al posto del francese e Menez che ritorna a formare il trio delle meraviglie con Pastore e Nene in attacco. Bisevac, titolare a Lilla, è costretto al forfait per un problema agli adduttori e vista la squalifica di Sakho al centro della difesa è rilanciato Camara. Nel Saint Etienne non ci sono squalificati ma mancano Andreu e Zouma per problemi alla schiena, Kitambala (adduttori) e l’ex Clement, ceduto a Settembre, costretto a saltare il match al Parco dei Principi per un fastidio alla coscia. Galtier schiera cosi una formazione inedita con il 4-4-1-1 con Aubameyang unico vero terminale offensivo supportato da 5 centrocampisti. 

NENE APRE SU RIGORE, SUPER MENEZ CREA SCOMPIGLIO OVUNQUE - I padroni di casa entrano in campo con la giusta determinazione e dimostrano fin dai primi minuti che mirano a chiudere la pratica St. Etienne il prima possibile. La troppo foga nel pressing porta addirittura alla prima ammonizione dopo soli 4’ (Menez). Occasioni chiare da rete però non vengono create nel primo quarto d’ora e serve aspettare il 17’ per vedere la prima azione d’attacco degna di nota: Menez, entrato in area, spara un diagonale che si spegne sul fondo. Dopo il tiro, però, il francese atterra sulle gambe di Marchal che era intervenuto in scivolata in maniera scomposta e ciò scaturisce la reazione di tutti i giocatori del PSG che reclamano il rigore. L’arbitro inizialmente indica la rimessa dal fondo ma, su suggerimento del guardialinee, decide di cambiare la sua scelta dichiarando il penalty (piu’ che generoso). Nene va sul dischetto e spiazza Ruffier di sinistro calciando ad incrociare. 1-0 e Parco dei Principi che esplode di gioia. Il goal da maggior linfa ai Parisiens ed al 28’ è il palo che nega a Menez la gioia del goal ed il raddoppio per gli uomini di Ancelotti.  Sul finire del primo tempo prima Camara devia in corner il tocco dolce di Aubameyang che aveva superato Sirigu e poi lo stesso portiere, sul successivo corner, blocca in tuffo una palla in mischia. Al 44’ Pastore inizia una stupenda azione dalla tre-quarti, allarga per Nene che crossa al limite dove Bodmer, solo, prova la sforbiciata al volo di sinistro. Il pallone però, pur perfettamente colpito con un’ottima coordinazione, è centrale e Ruffier respinge con poco affanno.

RECORD PASTORE: 12° GOAL IN LIGUE 1 - Nel secondo tempo pronti-via e Nicolita manca di un soffio il pareggio: Lemoine serve una palla interessante che taglia tutta l’area ed arriva sul secondo palo dove Nicolita è dimenticato da Armand. Il numero 25 però manca di un soffio il pallone per il sospiro di sollievo di Sirigu e compagni. Ci si aspetta nel secondo tempo un PSG deciso come nel primo ma i padroni di casa entrano svogliati e poco incisivi. Al 53’ Aubameyang entra in area e salta Sirigu ma si allunga la palla ottenendo soltanto un corner. Per fortuna Ancelotti striglia i suoi che subito riprendono a giocare dopo lo spavento iniziale. Ottima poi al 55’ la triangolazione Nene-Pastore con l’argentino che sfodera un bel sinistro dal limite deviato in corner da Ruffier. Ci pensa Menez successivamente a rianimare il Parco dei Principi con un’azione personale: al 58’ l’ala francese entra in area, evita Ghoulam con una finta a rientrare e calcia di sinistro con la palla che attraversa tutta l’area piccola senza essere deviata. Dieci minuti piu’ tardi il numero 7 crea ancora un’azione pericolosa: Thiago Motta vede il suo taglio e gli serve una palla precisa, Jeremy entra in area, supera Ebondo e calcia di destro con la palla che finisce di pochi centimetri a lato. Ancelotti inserisce Sissoko e Matuidi nel giro di 10’ per dare piu’ solidità al centrocampo e puntare a difendere il risultato. Piu’ tardi entra anche Hoarau per tener palla in attacco e lo stesso attaccante francese con un piatto destro impensierisce Ruffier all’82’. Quando il match sembra avviarsi alla fine sul risultato di 1-0, Hoarau avvia un’azione dal limite allargando per Jallet: il terzino crossa al centro dove Pastore di prima devia in rete e sigla il 12esimo goal della stagione (record personale, il max erano stati 11 goal quando giocava nel Palermo nella stagione 2010/11).

Il Paris Saint Germain torna così alla vittoria, la terza consecutiva tra le mura amiche, e si riporta a -3 dal Montpellier e riduce la differenza reti (+29 per gli uomini di Ancelotti, +30 per quelli di Rene Girard). Considerando lo scontro diretto Montpellier-Lilla alla 37esima giornata, i Blue-Rouge possono ancora credere nella vittoria della Ligue 1 e daranno il massimo per compiere l’impresa. 

Programma della 35esima giornata della Ligue 1 :

Martedi 1 maggio 2012 alle 21h:
Montpellier Hérault SC - Evian TG FC : 2-2

Mercoledi 2 maggio 2012 alle 19h:
AC Ajaccio - FC Sochaux-Montbéliard 2-1
Girondins de Bordeaux - Stade Rennais FC 2-0
Stade Brestois 29 - Toulouse FC 0-0
SM Caen - FC Lorient 1-0
Olympique Lyonnais - Valenciennes FC 4-1
OGC Nice - LOSC Lille Métropole  0-1

Mercoledi 2 maggio 2012 alle 21h:
Paris Saint-Germain - AS Saint-Etienne 2-0

Giovedi 3 maggio alle 19h:
Dijon FCO - AJ Auxerre