Nene demolisce il Rennes, il Montpellier non molla

Nella penultima giornata della Ligue 1, vittoria esaltante del PSG per 3-0 contro il Rennes. Mattatore della serata Nene con una tripletta straordinaria (48', 58' e 64'). Il Montpellier risponde al 94' con un acuto di Giroud che regala il goal a Saihi ed ora si avvicina il titolo per gli uomini di Girard. Lilla ai preliminari di Champions, Lione in Europa League, Auxerre retrocesso.

PSG
3 0
Rennes
PSG: Sirigu - Jallet (c), Camara, Alex, Maxwell - Sissoko (83’ Chantôme), Bodmer, Matuidi - Pastore, Nene (87’ Hoarau), Ménez (79’ Armand).
 Panchina : Douchez, Ceara, Lugano, Gameiro.
Rennes: Costil - Théophile-Catherine, Apam (79’ Boye) , Kana-Biyik, Mavinga - M'Vila (c), Tettey, Doumbia (50’ Feret), Montano, Pitroipa - Hadji ( 50’ Kembo-Ekoko).
 Panchina : Diallo, Danzé, Brahimi, Pajot,.
SCORE: 1-0, min. 48’, Nene (PSG). 2-0, min. 58’, Nene (PSG). 3-0, min. 64’, Nene (PSG).
ARBITRO: Tony Chapron
NOTE: Ammoniti : 38’ Montano (Rennes),43’ Nene (PSG), 45’ Pastore (PSG), 57’ Menez (PSG), 61’ Camara (PSG) Minuti di recupero: 2’ pt, 2’ st. La partita si è giocata al Parco dei Principi.

PSG - RENNES 3-0

Nell’ultima partita casalinga al Parco dei Principi, Ancelotti aveva come unico infortunato il difensore Bisevac ed al suo posto il tecnico italiano ha utilizzato Camara. Il modulo è lo stesso dell’ultima uscita a Valenciennes, il 4-3-3 con il trio Pastore, Menez e Nene liberi di svariare su tutto il fronte d’attacco. A centrocampo, Thiago Motta era squalificato, ed è stato rimpiazzato da Bodmer. Il tecnico Frédéric Antonetti doveva fare a meno invece di Boukari (influenza), Erding (ginocchio) e Mangane (caviglia), e ha disposto i suoi con un 4-5-1 con Montano e Pitroipa pronti a trasformare il modulo in 4-3-3 in fase d’attacco supportando Hadji. 

Dopo il brivido iniziale causato dall’errato retro-passaggio di Matuidi che aveva permesso a Montano di trovarsi solo davanti all’estremo difensore italiano che poi ha risolto prontamente, è il PSG a rendersi pericoloso nel primo tempo con Menez (7’), Nene (11’), Sissoko (17’) e ancora Menez (30’) ma senza trovare la via del goal. Ancelotti però decide di non cambiare nulla nel secondo tempo dando fiducia all’11 iniziale ed i suoi lo ripagano con una prestazione ancora piu’ esaltante nei restanti 45’. Dopo soli 3’, il risultato cambia. Menez, in forma davvero eccezionale ( sarò sicuramente contento Blanc in vista degli Europei ), vola sulla sinistra superando Apam e servendo un pallone che Nene scarica in goal per il suo 19esimo goal stagionale.  Il brasiliano raddoppia con un splendido sinistro al 58’ e chiude la partita poi al 64’ trasformando un rigore ottenuto da Menez: il numero dieci spiazza Costil calciando di potenza alla sua sinistra. 

MONTPELLIER-LILLA 1-0

Quando tutti speravano e credevano che la capolista venisse fermata in casa dal Lilla Olivier Giroud ha smentito tutti. Al 94’, lanciato dalla difesa, è riuscito a resistere al rientro di Basa, è entrato in area ed intelligentemente ha servito un pallone al centro dell’area che ha spiazzato Landreau ed ha permesso a Saihi di insaccare a porta vuota per il delirio del pubblico di casa. Dopo questa sconfitta, il Lilla dice addio al titolo dato che la matematica condanna Hazard e compagni, ora a 8 punti dalla vetta e con una sola partita da giocare. I padroni di casa soffrono l’assenza per squalifica del fantasista Belhanda ma riescono a perforare una delle migliori difese del campionato proprio allo scadere coronando un campionato da incorniciare. Per il Lilla ci sarà il turno preliminare per approdare ai gironi della Champions League 2012/2013. 

AJACCIO-LIONE 1-1

Remi Garde si assicura un posto nella prossima Europa League con il punto esterno ottenuto ad Ajaccio. Succede tutto in 10’ : ospiti in vantaggio con Gomis al 54’ dopo l’espulsione di Gourcuff al 50’, e vengono raggiunti al 59’ da un rigore trasformato da Eduardo. Per l’Ajaccio ora si fa molto difficile mantenere la Ligue 1. Visto la vittoria esterna del Sochaux ed alla vittoria del Brest, si trova in terz’ultima posizione con gli stessi punti di quest’ultimo e del Caen, ma ha la peggior differenza reti, -23 ( -18 per il Caen e -8 per il Brest ). In aggiunta dovrà affrontare il Tolosa in trasferta nell’ultima di campionato. 

LOTTA PER LA SALVEZZA - L'Auxerre, sconfitto 3-0 fuori casa dal Marsiglia ( Fanni 33’, Azpilicueta 55’ e Gignac 90’ ) retrocede in Ligue 2 matematicamente e l’ultima giornata sancirà le due squadre che lo raggiungeranno. Molto vicino alla retrocessione il Dijon che stasera ha pareggiato in casa per 1-1 contro il Tolosa ( padroni di casa in vantaggio al 27’ con Meité e raggiunti dagli ospiti al 44’ con il goal di Soukouna ) e dovrà affrontare il Rennes fuori casa nell’ultima di campionato. Per l’ultimo posto il Brest, vittorioso per 1-0 sul Valenciennes (39’ Grougi) affronterà l’Evian ed il Caen, dopo la sconfitta casalinga di stasera contro il Sochaux,  andrà in trasferta proprio ad affrontare il Valenciennes. Anche il Lorient, non ancora salvo, dovrà lottare contro il PSG ancora in corsa, seppur ridotta al minimo dopo i risultati di questa sera, per il titolo. 

Risultati della 37esima giornata di Ligue1:

AC Ajaccio - Olympique Lyonnais 1-1
SM Caen - FC Sochaux-Montbéliard 1-3
Girondins de Bordeaux - FC Lorient 1-0
Stade Brestois - Valenciennes FC 1-0
Dijon FCO - Toulouse FC 1-1
Olympique de Marseille - AJ Auxerre 3-0
Montpellier Hérault SC - LOSC Lille Métropole 1-0
AS Nancy Lorraine - AS Saint-Etienne 3-2
OGC Nice - Evian TG FC 1-1
Paris Saint-Germain - Stade Rennais 3-0