Le montagne russe dell'Emirates: Arsenal-Norwich 3-3

Gara stupenda e senza logica allo stadio Emirates, il Norwich onora l'impegno e costringe l'Arsenal ad un pareggio rocambolesco, che potrebbe costare l'Europa per il prossimo anno. Benayoun illude dopo 1', poi il Norwich capitalizza il blackout abituale dei Gunners e va sul 2-1, Van Persie raggiunge quota 30 reti in Premier ma sbaglia tanto e alla fine Morison beffa l'Emirates con il 3-3 finale.

Le montagne russe dell'Emirates: Arsenal-Norwich 3-3
Arsenal
3
3
Norwich
Arsenal: Szczesny; Sagna (Coquelin, min. 32), Koscielny, Vermaelen, Gibbs; Song, Ramsey (Chamberlain, min. 62), Benayoun (Chamakh, min. 68); Gervinho, Rosicky, Van Persie.
Norwich: Ruddy; Naughton, R.Bennett, Martin, Lappin; Hoolahan (Pilkington, min. 74), E.Bennett, Howson, Johnson; Jackson (Morison, min. 68), Holt (Wilbraham, min. 81).
SCORE: 1-0, min. 1, Benayoun. 1-1, min 12, Hoolahan. 1-2, min. 26, Gibbs (OG). 2-2, min. 71, Van Persie. 3-2, min. 79, Van Persie. 3-3, min. 84, Morison.
ARBITRO: A. Taylor (ENG). Ammoniti: Ramsey (min. 20), Jackson (min. 29), Vermaelen (min. 45+3), Hoolahan (min. 60), Wilbraham (min. 90+2).
NOTE: Arsenal-Norwich per la 37ma giornata di Premier League. Match giocato allo stadio Emirates davanti a 60092 spettatori.

Finisce 3-3 una grande partita che si aggiunge alla lunga lista di risultati spettacolari e inattesi in questa annata di Premier League. L'Arsenal pareggia ancora e mette a serio rischio il terzo posto, al termine di una gara al cardiopalma.

Norwich quasi perfetto

Passano appena 66 secondi e l'Arsenal è già in vantaggio con una rette pazzesca, alla Del Piero, Premier di Yossi Benayoun, che da sinistra finta il tocco per l'accorrente Gibbs e calcia di destro a rientrare, beffando l'incolpevole Ruddy. Il Norwich è ben messo in campo da Lambert, incassa il colpo ma invece di chiudersi mette in crisi i Gunners con la velocità sulle fasce, in particolare Gibbs a sinistra. Proprio dal suo lato al 12' viene lanciato Naughton che con un cross basso serve Hoolahan al limite dell'area piccola, l'irlandese di piatto sinistro non perdona Szczesny, 1-1.

L'Arsenal accusa il colpo e attacca a testa bassa, ad ogni avanzata si espone sempre più al contropiede avversario e la beffa del 2-1 si concretizza al 26', con Holt servito in contropiede che conclude e trova nella deviazione provvidenziale di Gibbs il pallonetto letale che porta in vantaggio i Canaries (rete pressochè identica a quella di Saha nell'ultimo Arsenal-Tottenham).

1' dopo Van Persie sfiora in area piccola il pareggio, mentre al 32' Sagna si fa male alla caviglia in un banale stop di palla, al suo posto entra il giovanissimo Coquelin e le cose a destra migliorano; l'ultima emozione del primo tempo arriva al 36' ancora con Kieran Gibbs, che calcia incredibilmente fuori col piatto destro servito quasi in area piccola da Gervinho.

Pioggia di emozioni

Wenger si fa sentire e i suoi rientrano in campo più ordinati, subito Van Persie sfiora la rete con un tiro cross, mentre al 51' Taylor grazia Ramsey dal secondo giallo; i fuochi d'artificio iniziano al 53' con una stupenda azione in solitaria del canadese Jackson che calcia però troppo centralemente davanti a Szczesny; al 56' Koscielny che colpisce di testa da due passi ma in bocca al portiere, mentre è il Norwich che al 57' sfiora due volte il 3-1, prima con Jackson che in spaccata manca il tocco finale, poi con Hoolahan che viene lanciato in area e al volo manda fuori con Szczesny ormai certo della nuova capitolazione.

Non c'è un'attimo di pausa, al 58' Van Persie davanti a Ruddy si fa respingere il tiro, sulla sfera piomba Gervinho che serve a Ramsey la palla del pari, ma il gallese colpisce male e al 62' lascia il posto a Chamberlain. Al 65' si rivede Benayoun che lancia RVP davanti a Ruddy, sembra fatta ma il destro è alto, 1' dopo azione in velocità Vermaelen-Gervinho-Vermaelen, ma il tiro a botta sicura del difensore belga è respinto, il tentativo di Rosicky invece finisce in corner. Al 68' entrano Chamakh per i Gunners e Morison per i Canaries, il pareggio arriva al 71' al termine di un'azione confusa al limite dell'area, con Song che raccoglie palla e lancia Van Persie tenuto in gioco sulla destra, piatto destro al volo e 2-2.

L'olandese si sblocca e non si ferma: prima al 75' calcia di punta graziando Ruddy, poi al 79' dopo aver sfiorato di testa il cross di Gervinho piomba sul pallone fatto filtrare da Rosicky e sfiorato da Chamberlain insaccando il 3-2 e la 30ma marcatura personale in Premier League. Esattamente come nel primo tempo però il Norwich riparte compatto e Wenger capisce che i suoi non sono in grado di gestire il vantaggio, che vacilla per pochi minuti e puntualmente viene azzerato da Morison, che impallina Szczesny al termine di un micidiale contrattacco.

L'Arsenal ha 5' più recupero per trovare la quarta rete e le occasioni si sprecano, Van Persie ne ha subito una all'86' ma calcia clamorosamente sul portiere, poi all'88' subisce una chiara spinta da Naughton mentre sta per calciare nella porta vuota ma Taylor lascia correre, nonostante le disperate proteste dei giocatori. Al 90' è il turno di Song, servito da Chamakh con un cross rasoterra, che di tacco trova la risposta di Ruddy; al 3' minuto l'ultima palla buona è sulla testa di Gibbs, ancora lui, che se la ritrova in area piccola su palla spiovente e la manda addosso al portiere. Fischio finale e pugni al cielo per Lambert, che abbraccia uno per uno i suoi ragazzi, per l'Arsenal applausi e rimpianti nell'ultima gara casalinga della stagione, oltre alla concreta possibilità di dire addio al terzo posto.