Destro punisce l'Atalanta al 92'

Il Siena espugna Bergamo per 1-2. Apre Schelotto, a cui risponde il quasi immediato pareggio di Larrondo, su rigore. Nel finale Destro batte Consigli e permette ai toscani di superare l'Atalanta in classifica e installarsi a quota 39. Espulsi gli allenatori Colantuono e Sannino.

Destro punisce l'Atalanta al 92'
(Getty Images)
Atalanta
1 2
Siena
Atalanta: Consigli, Lucchini (58' Bellini), Manfredini, Stendardo, Peluso, Schelotto, Cigarini, Carmona, Moralez, Gabbiadini (82' Carrozza), Tiribocchi (60' Denis).
Siena: Pegolo, Rossettini, Terzi, Contini, Giorgi, Vergassola, Gazzi (86' Parravicini), Grossi, Rossi, Larrondo (68' D'Agostino), Destro.
SCORE: Goals: 9' Schelotto, 13' Larrondo (rig.), 92' Destro.
ARBITRO: Aribtro: Russo. Ammoniti: Stendardo, Terzi.
NOTE: Campionato di serie A, 31^ giornata. Stadio Atleti Azzurri d'Italia, Bergamo.

Disfatta nerazzurra – L’Atalanta incappa nella seconda sconfitta consecutiva e conferma la sua fase di appagamento: la salvezza lì ad un passo (ancora tre punti per raggiungere quota 40) è la più plausibile spiegazione del calo psico-fisico orobico. Il Siena sbanca Bergamo, scavalca l’Atalanta e vola a 39 punti, ipotecando la sua permanenza in A. Decide Destro agli sgoccioli di un match equilibrato: esagerata l’euforia di Sannino che esulta nei pressi della panchina atalantina e sfiora la rissa con Colantuono (entrambi espulsi).

Botta e risposta– La partita si infiamma fin dai suoi esordi. Al 9’ Peluso pesca in area Schelotto che al volo batte Pegolo, inserendosi tra le maglie di una disattenta difesa bianconera. Non c’è tempo, a Bergamo, per godere del neonato vantaggio. La retroguardia atalantina è immobile: si infila in area Larrondo, che scarta Consigli; il portiere ingenuamente atterra l’attaccante senese e per Russo è rigore. Penalty trasformato da Larrondo stesso.

Partita equilibrata– L’Atalanta mantiene maggiormente il possesso della sfera ma punge solo di rado dalle parti di Pegolo. Ci provano Tiribocchi e Schelotto senza fortuna. Nel finale di tempo il talentuoso Destro (vero uomo in più del Siena) sguscia verso la porta nerazzurra e calcia verso Consigli, che ribatte. Ad inizio ripresa Stendardo sfiora il 2-1 colpendo di testa, solo in area, sugli sviluppi di un corner: la palla esce di un soffio. Sul versante opposto è Grossi il più vivace, senza che i suoi tentativi vadano a buon fine.

Ecco Denis– Colantuono concede al bomber nerazzurro l’ultima mezz’ora, dopo l’infortunio che lo tiene fuori dai campi da circa un mese. Il tanque ravviva le sortite offensive bergamasche senza riuscire a gonfiare la sua sedicesima rete. La girandola delle sostituzioni non muta la sorte di una partita diventata anche “bagnata” per via della pioggia che cade copiosa all’Atleti Azzurri.

Fantastico Destro– Eppure il contropiede senese, al 92’, va a buon fine. Il 22 bianconero si beve Stendardo con agio irrisorio e batte Consigli con il piede destro, quello del suo stesso nome. Sannino e Colantuono sono espulsi in un finale rovente. L’Atalanta non si schioda da quota 37 (da non sottovalutare il Lecce terzultimo, a 31), il Siena salpa verso acque più tranquille vedendo a un solo punto l’agognata cifra 40.