Il derby che potrebbe riscattare una stagione

Il derby che potrebbe riscattare una stagione

Il Cesena si giocherà tutta la stagione, almeno dal punto di vista dei tifosi, sabato pomeriggio in casa contro l'odiato Bologna.

Cesena
Bologna / 15:00

Dopo i due recenti pari in Campionato contro Parma e l'ultimo a Lecce, la squadra del patron Campedelli incontrerà al Manuzzi il Bologna. Già da almeno una decina di giorni i tifosi hanno cerchiato in rosso sul calendario questo appuntamento. In una stagione ricca di delusioni e rarissime gioie, si veda l'andata proprio in casa dei rossoblù, i bianconeri sperano di vincere almeno il derby regionale.

Dal campo. La settimana corta dei bianconeri è iniziata lunedì con i primi cenni in preparazione del Bologna, appunto. Beretta ha però ancora dei grossi problemi di formazione, soprattutto nel reparto avanzato, con Mutu squalificato e Iaquinta ancora stoppato da un infortunio muscolare. Al loro posto dovrebbero partire titolari, mai in questo campionato, Malonga e Rennella. L'ultima tegola in ordine di tempo è stata l'infortunio di Moras: l'ex Bologna ha accusato, nel match amichevole di mercoledì con i giapponesi dell'Hiroshima Sanfrecce (sconfitti 6-0 con reti di Del Nero, Malonga e Rennella nel primo tempo, Ceccarelli, Filippi e Cica nella ripresa), un affaticamento muscolare alla coscia sinistra. La difesa quindi sarà composta dal solito highlander Antonioli protetto da Comotto, Von Bergen, uno tra Rossi e Rodriguez, Lauro al posto dello squalificato Pudil. In mediana con Parolo, Guana e Martinez assenti, ci saranno T. Arrigoni, Colucci, Martinho. Santana dietro le punte, sembra l'uomo pià in forma tra i bianconeri. Anche il numero 12 Calderoni non sarà in panchina per un guaio alla schiena, spazio quindi alla prima convocazione per Tonti, in ogni caso il vice Antonioli sarà Ravaglia.

Ave Cesare. Venerdì ha fatto visita alla squadra bianconera Prandelli, fermandosi in centro città al mattino. Il Ct della Nazionale, in tour col suo staff in tutte le sedi delle squadre di Serie A, ha pranzato quindi con Beretta e Minotti in un noto ristorante di San Vittore, ed è stato a lungo a colloquio sia col tecnico che con Adrian Mutu nel pomeriggio. Proprio Minotti gli ha fatto da cicerone nel Centro Sportivo C. A. Rognoni mostrandogli le nuove attrezzature e i due campi in sintetico appena costruiti. Prima di assistere alle prime battute della seduta ha anche salutato tutta la squadra e diretto un discorso in sala stampa, con presenti anche i Primavera Urso e Filippi.

Mobilitazione. A dimostrazione della grande rivalità tra Romagna ed Emilia, sabato è previsto una grande affluenza di pubblico, nonostante il Cesena navighi in ultima posizione. Oltre ai soliti 12000 abbonati, i biglietti venduti a giovedì erano 2196, di cui 1147 per la Curva Ferrovia destinata agli ospiti. Non si esclude che nella giornata odierna si arrivino ai 2500 partecipanti.

Nota dolente. In questo clima piuttosto sereno, l'unica faccia decisamente nera è quella del difensore ex Bari Marco Rossi. In procura, durante le sue dichiarazioni, è scoppiato in lacrime più volte dopo la combine tra Palermo – Bari (2-1), in cui avrebbe accettato e poi restituito, così ha dichiarato alla polizia, la sua parte di denaro per far vincere i rosanero. Il match sotto indagine è riferito allo scorso anno e Masiello, ora ai domiciliari, ha coinvolto anche il bianconero. Proprio dal ritorno della sua deposizione, ha confessato tutto anche ai propri familiari, madre e ragazza sono senza parole ma lo sostengono, come dimostra la telefonata apparsa sui giornali di oggi. L'unico  a voltargli le spalle è il padre e per il giocatore i guai sono appena iniziati.