Temi del giorno:
Connect with facebook

Cesena sempre più giù

Ennesima sconfitta per i bianconeri, per di più questa volta interna. I bergamaschi strappano i tre punti con un'autorete di Marco Rossi nella ripresa.

Cesena sempre più giù
Cesena sempre più giù

Nel giro di un mese il Cesena affonda di nuovo contro l'Atalanta, questa volta tra le mura amiche e con un risultato meno pesante rispetto al passivo di 4-1 dell'andata. Arrigoni a sorpresa schiera Rossi a sinistra al posto di Pudil che avrebbe dovuto esordire. In avanti invece Rennella è in coppia con Mutu. In casa Atalanta Colantuono non ha grossi problemi di formazione. Prima frazione di gioco molto combattuta da entrambe le squadre. Al 6' gli ospiti creano però il primo pericolo con l'ex Schelotto, un suo cross errato diventa pericoloso per Antonioli, ma l'estremo difensore bianconero devìa in angolo. Pronta risposta del Cesena pochi minuti dopo, Parolo dalla distanza scaglia un bolide ma essendo centrale Consigli non ha problemi. Match sino ad ora molto equilibrato ed entrambe le difese contengono i rispettivi attacchi avversari. Alla mezzora Marilungo duetta con Denis e tenta la conclusione, ma è debole. Sul rovesciamento di fronte Von Bergen pesca con un lancio lungo dalla propria area Mutu, Stendardo esce fuoritempo ma l'attaccante romeno non è perfetto nel controllo. Al 35' il Cesena ha l'occasione per passare in vantaggio: dalla lunetta Mutu scocca un tiro diretto alla sinistra di Consigli, il portiere si supera e riesce a mandare la palla in corner. Lo strepitoso intervento salva l'Atalanta! La squadra di Colantuono non si scompone ed a sua volta va vicinissima a passare in vantaggio: Cigarini batte corto un angolo, la palla però viene deviata e Lucchini ha la possibiltà di calciare di prima intenzione in porta. Il tiro risulta alto fuori dallo specchio della porta. L'occasione più ghiotta arriva però al 42' quando Denis da sinistra serve un solitario Moralez appostato sul secondo palo, ma la sua conclusione è incredibilmente alta.

Le squadre vanno al riposo così in parità. Nella ripresa il Cesena prova a condurre il match come a tratti ha fatto nel primo tempo, infatti al 46' Mutu stoppa palla da buona posizione ma il tiro è molto impreciso e sorvola abbondantemente la traversa. L'Atalanta dietro è molto quadrata e non si scompone ai ripetuti assalti piuttosto scoordinati del Cesena. La stanchezza inizia ad avere il predominio e sembra che il pari possa accontentare entrambe le squadre. Gli equilibri vengono rotti però al 75' con la discesa di Schelotto dalla destra, il cross rasoterra è deviato da Rossi in scivolata e la palla supera un impotente Antonioli. El Galgo non esulta per rispetto dei suoi ex tifosi che però in larga parte lo fischiano. Tre minuti dopo Denis riceve la seconda ammonizione del match sempre per simulazione e Tagliavento non esita ad estrarre il rosso. Se per Schelotto il ritorno è stato felice, di certo l'altro ex bianconero non ha vissuta una bella giornata rimediando la doccia anticipata.

Il Cesena si riversa tutto nella metà campo dell'Atalanta per cercare di acciuffare subito il pareggio. La squadra ospite cerca di mantenere il possesso di palla per cercare di congelare la partita. Il lancio lungo è la sola arma che dispongono gli uomini di casa ed Arrigoni inserisce Martinez e Bodagni per aumentare il tasso fisico e di centrimetri per cogliere il pari. Proprio da azione aerea i bianconeri hanno per due volte, l'occasione di raggiugnere il pari al 91'. Da sinistra Martinho coglie Martinez ai limiti dell'area piccola ed ha modo di calciare per due volte in porta, ma Consigli si supera per ben due volte consecuvite e sventa il pericolo. Oggi l'estremo difensore dell'Atalanta ha fatto la differenza, i suoi compagni a match concluso lo hanno abbracciato. Per l'Atalanta la salvezza ora è vicina, Arrigoni invece non dormirà di certo sogni tranquilli.