Stramaccioni: "Meritavamo il pari, ora pensiamo al futuro"

La sconfitta di Roma anticipa di fatto di due settimane l'inizio della prossima stagione, ma Strama guarda già al futuro.

Stramaccioni: "Meritavamo il pari, ora pensiamo al futuro"
Stramaccioni: "Meritavamo il pari, ora pensiamo al futuro"

Il risultato di Catania avrebbe comunque inchiodato i suoi al purgatorio dell'Europa League, ma la sconfitta significa preliminare di Europa League e preparazione anticipata, con una stagione 2012/13 che inizierà davvero prestissimo. Andrea Stramaccioni ingoia amaro, anche perchè la sua Inter in campo non è dispiaciuta, pur pagando a caro prezzo delle disattenzioni difensive: "Penso sia normale sia un po' giù perché abbiamo fatto un grande primo tempo, con Milito abbiamo avuto una grande chance, e siamo qui a rammaricarci per due gol presi in 4 minuti che hanno cambiato la partita. Facciamo i complimenti alla Lazio. Il nostro primo tempo molto positivo non ci ha permesso di concretizzare come ha fatto la Lazio nella ripresa, dobbiamo riflettere su queste situazioni, peccato per il palo di Pazzini perché meritavamo il pareggio", afferma molto lucidamente il giovane tecnico nerazzurro.

L'inizio anticipato della prossima stagione è qualcosa che non fa piacere in senso assoluto, ma anche su questo punto Strama prova a smorzare la delusione: "Sì, dovremo anticipare l'inizio, ma parlavo con mister Reja e si tratta soltanto di 15 giorni. Dobbiamo ripartire e fare una stagione degna del nome della nostra società. E' stata un'Inter diversa rispetto a quella che ho avuto la fortuna di schierare ma abbiamo preparato bene la partita e si è visto. Dobbiamo fare mea culpa sul gol di Kozak, abbiamo sbagliato, hanno fatto loro due grandi giocate in una partita ben giocata da noi".

Giampaolo Pazzini ancora una volta è stato buttato nella mischia in corsa, ma la sfortuna del centravanti toscano per adesso pare non avere giorni liberi: "Giampaolo ha fatto una buona partita, ha preso il palo, potevamo parlare di un'altra partita, se avessimo segnato... per ora è un po' sfortunato perché ha le palle gol ma non riesce a segnare"  spiega Stramaccioni, che tornando sulla gara spezza una lancia in favore della prestazione dei suoi. "Non credo che abbiamo subito così tanto la Lazio, abbiamo fatto la partita per 55' tanto che al secondo gol mi sono girato verso la panchina spiegando che fosse impossibile che stessimo perdendo una partita del genere".

Sull'esclusione di Mauro Zarate per scelta tecnica, il tecnico risponde così: "Ho una grande stima di Mauro, dimostrata con i fatti. In queste otto partite, ha dato un contributo produttivo. Ha fatto un gol vittoria contro il Cesena e uno pesante contro il Genoa. Ha grande qualità, ma il futuro lo decideranno gli eventi. E' in prestito con diritto di riscatto e sono le società a dover parlare" 

Una battuta anche sull'Inter che verrà e sul suo futuro: "Il Presidente già sta studiando e lavorando per ricostruire, in vista dell'anno prossimo noi ci siamo. Io ancora in nerazzurro? Chiedetelo al Presidente, è lui che decide il tempo d'uscita delle notizie...Serve riflettere e capire dove migliorare la squadra, il sesto posto non ci soddisfa, né noi, né il Presidente. Si sta già lavorando per riportare l'Inter in alto"