Scirea Cup; Inter-Sparta Praga 0-1

Scirea Cup; Inter-Sparta Praga 0-1

Gli allievi B, di Mr Facchetti, dominano la gara, ma vengono sconfitti 1-0. Ora ai quarti sarà sfida al Partizan Belgrado.

Mercoledì 13 giugno, presso lo stadio Teresa Miani di Ginosa, si è disputata la gara fra Inter e Sparta Praga, valevole per la terza giornata del girone c, e conclusasi con il punteggio di 1-0 per lo Sparta Praga, che con questo risultato ha chiuso al primo posto con nove punti, mentre, l’Inter, ha chiuso seconda con sei. Nell’altro match del girone, il Laterza ha superato il Matera con il punteggio di 2-1, piazzandosi terzo con tre punti. Con questi risultati, l’Inter affronterà il Partizan Belgrado.

LA PARTITA

Dinanzi ad un pubblico accorso numeroso sugli spalti (circa 600 unità) l’Inter di Mr. Facchetti e lo Sparta Praga di Mr. Krieg, hanno dato vita ad una partita davvero equilibrata e ricca di occasioni, soprattutto da parte nerazzurra.

La beneamata scendeva in campo con Costa, Lomolino, Boateng, Simonato, Pinton, Palazzi, Golia, Rocca, Russo, Ponti e D’Auria; lo Sparta Praga con : Vorel, Pisko, Toml, Moracev, Spacek, Kulhanel, Schick, Mrazek, Schindler, Prenka e Surmaj.

Sin dai primi minuti, l’Inter prendeva in mano le redini del gioco, andando svariate volte vicina alla rete del vantaggio, prima con un tiro lento di D’Auria, poi con una bordata di Russo e infine con un bel tiro di Golia, ben parato dal portiere Vorel (che alla fine sarà il migliore in campo).

Lo Sparta non ci sta e alleggerisce con una doppia conclusione di Schick, ben sventate dal portiere Costa. Dopo questa limpida occasione, i ragazzi di Facchetti, continuano a testare il portiere Vorel, sempre attento, soprattutto sulla bella conclusione di Ponti, dove compie un vero e proprio miracolo. L’Inter colpisce anche un palo con Russo, e, mentre il tutto fa presagire la rete interista, su un cross di Surmaj, uno sfortunato Simonato, buca la palla e Schick ben appostato, ringrazia e deposita per il vantaggio dei suoi.

Continua il forcing nerazzurro, ben diretto dal mediano Palazzi, ma la palla non vuole entrare, difatti è ancora miracoloso Vorel su una bella conclusione di Golia. Il primo tempo termina così sull’uno a zero per lo Sparta.

Nella ripresa il copione non cambia, anche se la stanchezza affiora e le conclusioni latitano. Da segnalare un tiro sull’esterno rete di D’Auria e un colpo di testa centrale di Russo. Solita girandola di cambi e proprio il neo entrato Maiorano, vede salvare la propria conclusione sulla linea, dal numero 3, Pisko. Nel finale ci prova anche Boateng, ma il risultato non cambia. Lo Sparta porta a casa i tre punti, ringraziando il proprio portiere e una buona compattezza di squadra. Come singoli, sugli scudi, oltre al portiere Vorel, la punta Schick e il mediano Kulhanek, per l’Inter il capitano Palazzi, il terzino Lomolino e il numero 8, Russo.

Al termine del match, bella esultanza dei giocatori dello Sparta Praga, che hanno dato vita ad un rito propiziatorio fatto di canti. Complimenti a entrambe le compagini. Di alcuni di loro ne sentiremo parlare sicuramente in futuro.

Baldassarre D’Angelo