Juventus-Aygreville, termina 7-1 il primo test della squadra di Conte

Juventus-Aygreville, termina 7-1 il primo test della squadra di Conte

Prima amichevole per la Juventus targata Conte, che ha sfidato l'Aygreville, sfoggiando per la prima volta il tricolore e vincendo per 7-1. Ufficializzato l'acquisto della comproprietà di Boakye, autore di una buona prova, mentre in cassa entrano ottantamila euro per la cessione di Ibrahimovic dal Milan al PSG.

Ha finalmente potuto sfilare con il tricolore sul petto, orgogliosa di quanto fatto l'anno scorso. La Juventus di Conte ha effettuato la prima amichevole estiva, oggi pomeriggio presso Saint-Vincent, non lontano da Chatillon. L'avversario era la modesta - e dilettantistica - formazione dell'Aygreville. Ottimo test per l'allenatore leccese, che ha potuto analizzare fin da subito lo stato di forma dei suoi giocatori, quelli che già conosce e quelli appena arrivati. Conte, orfano dei giocatori nazionali, ancora in vacanza, e di Isla, alle prese con un infortunio (giunto però allo stadio a firmare autografi e maglie), ha schierato nel primo tempo: Storari, Lucio, Caceres e il giovane Masi, nella difesa a tre, Pepe, Asamoah, Marrone, Padoin e Ziegler a centrocampo, a supporto della coppia d'attacco Matri-Quagliarella. Primo tempo che si è concluso sul 3-1, con la formazione valdostana passata in vantaggio dopo una spicciolata di secondi con Turato, complice un clamoroso errore di Lucio. Di Quagliarella (2) e Vucinic (che ha colpito anche una traversa) i gol. Nel secondo tempo subentrano Leali, Untersee, Rugani, Magnusson, Lichsteiner, Vidal, Gabriel, Bouy, De Ceglie, Matri e Boakye, con Schiavone e Padovan entrati successivamente, al posto di Bouy e Boakye. Di Matri, Boakye, Vidal e Padovan le altre reti. 7 gol quindi, di cui 3 su rigore. Molti giovani della primavera schierati, autori di buone prove. Su tutti, Boakye - uscito tra gli applausi del pubblico - e Padovan, senza tralasciare l'ottima prestazione di Asamoah, molto rapido negli inserimenti e negli 1-2. Molto volenterosi gli attaccanti, che hanno giocato in maniera sì divertente, ma anche rabbiosa, in risposta al gol subito all'inizio del match, mentre da sottolineare è l'ingresso in campo di Vidal, in forma smagliante, nonostante gli ultimi accenni alla pubalgia. La partita è cominciata alle 17.40 circa, nello stadio Perrucce del piccolo paesino, che ha ospitato la bellezza di oltre 3000 tifosi. Tuttavia, l'evento ha suscitato qualche polemica poichè, dopo aver convissuto con i prezzi alti degli allenamenti (10 euro a persona), i biglietti per assistere alla goleada di oggi sono costati ben 20 euro. Intanto trapela la notizia che, nonostante il rincaro dei prezzi, quasi il 90% degli abbonati alla scorsa stagione ha rinnovato la propria tessera.

L'ultimo arrivato - Lontano da Chatillon però, il mercato non si ferma mai: come detto, un nuovo acquisto, questa volta di prospettiva, per la società bianconera, che ha ufficializzato di aver ottenuto la comproprietà di Richmond Boakye, pagata 4 milioni di euro. Il giocatore di origine Ghanese, proveniente dal Genoa, ha realizzato l'anno scorso 10 gol nella serie cadetta con la maglia del Sassuolo, oltre a 2 reti in Coppa Italia. Messosi in mostra nella primavera del Genoa, con quest'ultima ha conquistato uno scudetto, una Coppa Italia e due Supercoppe Italiane. Il suo procuratore, Oliver Arthur, afferma che il ragazzo cercherà di evitare il prestito convincendo Conte, anche se l'età e l'inesperienza non sono dalla sua parte. Però, l'agente promette che presto entrerà nel giro della nazionale Ghanese e diventerà una stella sia in Africa che in Italia, grazie alla sua estrema rapidità di gioco. Un assaggio ci è stato dato oggi nell'amichevole sopra citata, nella quale ha convinto per personalità - andando in gol una volta e sfiorandolo parecchi altre - ed entrando già negli affetti del pubblico, che lo ha rumorosamente acclamato, al momento della sostituzione.

L'incasso inaspettato - Non sarà una cifra da strapparsi i capelli, ma piuttosto che niente, è meglio piuttosto. Nelle casse della Juventus arriverá, a seguito della cessione di Ibrahimovic al Paris Saint Germain, una somma di denaro tra gli ottantamila e i centomila euro. Questo a seguito dei premi di solidarietà previsti dalla Fifa, i cui parametri farebbero guadagnare alla società bianconera ottantamila euro nel caso - più probabile - in cui il cartellino dello svedese venisse valutato 16 milioni di euro. Se il prezzo si dovesse alzare fino a 20 milioni, ecco che la Juventus otterrebbe centomila euro. La stessa situazione si è presentata nei precedenti trasferimenti, al Barcellona e al Milan, dopo aver perso il giocatore nell'estate di "Calciopoli".