Caceres: "Facile inserirsi in una squadra che gioca così bene"

La Juventus, grazie ad una doppietta di Martin Caceres, bissa il successo contro il Milan anche in Coppa Italia e mette un'ipoteca sul passaggio del turno. Conte elogia i suoi ma senza dimenticare che i giochi non sono ancora chiusi.

Caceres: "Facile inserirsi in una squadra che gioca così bene"
L'esultanza di Caceres e Del Piero dopo il gol dell'iniziale vantaggio

L'eroe di San Siro è lui, Martin Caceres: El Pelado si (ri)presenta ai tifosi nel migliore dei modi, con una doppietta che permette alla Juventus di portare a casa la sfida col Milan di Allegri, terminata sul 2 a 1 con la rete di El Shaarawy che aveva portato gli uomini di Allegri al momentaneo pareggio per poi vedersi di nuovo superare dai Bianconeri dopo l'illusione del vantaggio per il gol, poi annullato, di Ibrahimovic.

Ai microfoni di Rai Sport il neoacquisto bianconero si è espresso così: "Sono molto contento per me e per la squadra e per i tifosi. Una bella soddisfazione. [...] E' facile inserirsi in una squadra che gioca così bene. Mi trovo molto bene negli schemi richiesti dal mister". Per quanto riguarda l'eterna sfida tra campionato e coppa con il Milan ha poi aggiunto: "Vediamo di partita in partita e se avremo l'occasione di vincere il titolo meglio".
 
Parole che già si sposano alla perfezione con l'impostazione data a questa Juventus da Antonio Conte, il quale, proprio incalzato sul tipo di mentalità che ha trasmesso alla squadra, ha dichiarato: "La Juve ha entusiasmo, organizzazione di gioco e calciatori che hanno voglia di sognare e per inseguire un sogno sanno qual è la strada: lavoro, lavoro, lavoro. Grande disponibilità, abbiamo cambiato tanto ma non è cambiato lo spirito, l'atteggiamento.". Ciò che più ha reso fiero l'allenatore della Juventus però è stata la bella risposta da parte di tutti, specialmente degli ultimi arrivati, ma anche con ottime risposte da parte di giocatori utilizzati non in maniera continua in campionato. In particolare sui nuovi: "Borriello era il più facilitato perchè lavora con noi già da un mese, Padoin l'ho avuto all'Atalanta e perciò conosceva già alcune situazioni tattiche, quello che deve migliorare nella fase difensiva è Caceres, per la fase offensiva ci accontentiamo...!"

 
Il tecnico ha poi fatto il punto sulla partita di oggi, che testimonia il processo di crescita del progetto portato avanti sin da inizio anno, dimostrando quanto lavoro ci sia dietro questa squadra, dato che non potrebbe esserci un turnover così ampio senza impegno e disponibilità di tutti i ragazzi. Un cenno mirato poi su Giaccherini: "Giaccherini è un ragazzo che ha del dinamismo,è  tecnico, intelligente, è da Juve. Pescare questi calciatori dal Cesena quando fino a 3 anni giocava in lega pro dimostra che non serve acquistare lo straniero da 30 milioni, e Giaccherini ha tutte le qualità per aspirare a qualcosa di più, può risultare una sorpresa."
Nessuna illusione però sulla vittoria di oggi, che per quanto meritata non lascia ancora alla Juventus il tagliando di partecipazione alla finale. Conte ha infatti ribadito quanto la qualificazione sia ancora aperta: "Faccio gli scongiuri, mail Milan è una grandissima squadra e c'è una partita ancora tutta da giocare".
 
Un pò meno felice Allegri, che con la sconfitta di stasera continua il trend negativo iniziato con la sconfitta con la Lazio e il pareggio col Napoli. Queste le parole dell'allenatore, che comunque non dispera e al contrario incita a stare sereni, a fine partita: "La Juve ha fatto bene, è stata una bella gara specie nella ripresa, stiamo perdendo un po' troppo spesso ma dobbiamo stare sereni e recuperare chi manca. Nel primo tempo faticavamo ad uscire, meglio nella ripresa e poi quando eravamo nel nostro miglior momento è arrivato il secondo gol di Caceres. Pressione su di noi? Assolutamente no, conosco la forza di questa squadra, abbiamo troppi infortuni strani da inizio stagione. Ripeto dobbiamo stare sereni, la semifinale è ancora aperta e il campionato vedrà tra tre settimane lo scontro diretto."