Thiago Silva e Ibra non si muovono

Allegri: "Il presidente Berlusconi ci tiene molto a tenere i suoi campioni. Ibrahimovic è molto contento di rimanere al Milan e io sono ultra-contento che lui rimanga. E' un campione e deve rimanere al Milan, anche perchè io preferisco allenare i campioni".

Thiago Silva e Ibra non si muovono
Getty Images

La visita di Roberto Mancini ieri in via Turati ha riscaldato gli animi, visto che sono girate voci di un possibile scambio tra Thiago Silva e Balotelli; oggi le notizia appaiono molto diverse e le smentite arrivano sia da una parte che dall'altra. "Sono andato nella sede del Milan ieri solo per una visita di cortesia, tra l'altro a chiedermi di farlo è stato Galliani. Dunque, nessuna operazione di mercato in vista". Queste sono le parole di Roberto Mancini, apparso seccato per l'interpretazione data al suo incontro con l' amministratore delegato rossonero. "Ero a Milano per vicende personali, Galliani mi ha chiesto di incontrarci. Sono stato 10 minuti, e non ho certo fatto alcuna proposta per Thiago Silva. Tantomeno ho offerto al Milan Balotelli o Tevez". Sponda Milan: Massimiliano Allegri ha voluto confermare che Thiago Silva e Zlatan Ibrahimovic non si muoveranno. Smentita anche da parte del procuratore del Nazionale verderoro, Paulo Tonietto: "Né io né Thiago abbiamo avuto contatti con Manchester City o Barcellona. La sua preferenza? E' certamente il Milan. Solo la dirigenza del club rossonero può decidere di cedere il giocatore. Quelle circolate sono soltanto speculazioni giornalistiche, uscite per riempire i giornali quando non ci sono alltre notizie sul calcio giocato".

Novità per quanto riguarda l'affare Aquilani: il Milan sembra volerlo trattenere. Pare infatti che il Liverpool sia disposoi a rivedere le cifre fissate con i rossoneri la scorsa estate per il riscatto, applicando uno sconto. Lo stesso giocatore, inoltre, pur di restare a Milano, avrebbe già accettato un'eventuale spalmatura del contratto: 8 milioni, cioè gli stessi che prenderebbe in Inghilterra per i prossimi due anni, da dividere però in quattro stagioni.
 
Infine uno sguardo al futuro di due senatori che hanno dato l'addio al Milan: Andrea D’Amico, procuratore di Rino Gattuso,  "Con Rino sono in contatto quotidiano, questa e' la fase in cui si studiano i progetti per un calciatore che come lui può scegliere la prospettiva migliore per se stesso e per la sua famiglia. Indipendentemente dalla possibilità di tornare ai Rangers Glasgow, Gattuso può vagliare quella che per lui oltre a un'opportunità tecnica sarebbe una scelta di vita dopo tanti anni al Milan". Eppure si parla ancora di Milan:  "Dopo tanti anni di mercato dico che non si può escludere nulla.  Aspettiamo. Rino ora e' sereno a Coverciano, ci teniamo aggiornati. La certezza e' che per Gattuso non ci sono questioni legate ai soldi, scegliendo le sue squadre non li ha mai messi in cima alla lista delle priorità". E di futuro rossonero si parla anche per Alessandro Nesta.Il centrale romano non ha ancora ottenuto il transfer per la Major League Soccer, fermato dal tetto salariale che impone uno stipendio massimo di 340.000 dollari.  Qualora il suo passaggio nel campionato USA non si concretizzasse, il numero 13 rossonero potrebbe tornare sulle sue spalle per un altro anno.