Udinese-Milan, sfida da piani alti

Udinese e Milan si affrontano questa per l'anticipo delle 18 valido per la 23° giornata della serie A. Entrambe non sono nel loro miglior momento e la voglia di rifarsi è tanta.

Udinese-Milan, sfida da piani alti
Getty Images

Udinese e Milan sono rispettivamente la quarta e la seconda forza del campionato italiano, eppure entrambe stanno facendo un po' di fatica a tenere il passo di Juventus e Lazio. I padroni di casa domenica scorsa hanno perso 3-2 in casa della Fiorentina, mentre gli ospiti sono stati bloccati per 0-0 a San Siro contro il Napoli. Inoltre tutte e due le squadre in settimana avranno l'importante impegno europeo che ricomincia: contro il Paok in Europa League la squadra di Guidolin, contro l'Arsenal in Champions League quella di Allegri.

Nella conferenza stampa pre-partita il tecnico dei friulani, ha detto di non fidarsi assolutamente di un Milan che sembra incerottato e con molte assenze, tanto che riguardo alla preparazione della gara con i suoi ha ragazzi ha detto che: "Nel preparare la partita citerò l’intervista di Ambrosini, un ragazzo che ho avuto la fortuna di allenare e che già da ragazzo era intelligente. Quello che farò vedere ai ragazzi sono le parole di un leader del Milan, di un uomo di grande carisma all’interno dello spogliatoio di Max Allegri, e siccome Ambrosini non è l’unico, mi aspetto una squadra cattiva”. Guidolin ha ammesso che fa sicuramente piacere giocare una partita contro il Milan come uno scontro diretto ma ha ricordato ha tutti che la sua squadra è tarata per obiettivi ben diversi da quelli dei rossoneri, e ha chi dice che il Milan con tutte le assenze non è il vero Milan risponde: "E invece io vi dico che mi aspetto il vero Milan proprio domani, a me interessa domani e so che se non saremo concentrati, attenti e bravi sarà molto dura perché non mi fido di questo Milan incerottato. Anzi, penso che sia una squadra di grandissimo orgoglio e qualità, e voi potete dire tutto quello che volete ma non ci casco e mi aspetto una partita dura e difficile. Tutto il resto sono chiacchiere”. Per quanto riguarda gli uomini a sua disposizione, il tecnico spera di recuperare anche Pinzi e Floro Flores, almeno per la panchina, mentre Domizzi è pienamente recuperato. L'undici titolare bianconero dovrebbe essere quindi composto da: Handanovic in porta; Benatia appena rientrato dalla Coppa d'Africa, Danilo e Ferronetti in difesa; Basta, Isla, Pazienza, Fernandes e Armero saranno i cinque di centrocampo; in attacco di sicuro ci sarà Di Natale, probabilmente insieme ad Abdi come trequartista mascherato.

Per quanto rigurda le parole di Allegri, il tecnico livornese per prima cosa ha pensato di dispensare serenità intorno all'agitato ambiente rossonero di queste ultime settimane: "È una partita importante visti gli impegni che abbiamo. Il gruppo è sereno, abbiamo analizzato le sconfitte e dobbiamo fare qualcosa in più rispetto a quanto fatto sul piano del gioco e dell'intensità di gara. Ma sono cose da fare con tutta la serenità del caso": Ha proseguito dicendo che, ovviamente, non c'è nessuna resa nei confronti della Juventus e che anche nella scorsa stagione la sua squadra ha attraversato momenti difficili:  "L'anno scorso c'è stato un momento in cui sembrava avessimo perso tutto, il campionato non lo perdiamo e non lo vinciamo domani". Entrando più nel dettaglio della sfida di questa sera ha spiegato che: "l'Udinese gioca un bel calcio, è difficile da affrontare. Per noi sarà difficile come sempre. Sul piano tattico dovremo avere pazienza, ma soprattutto, visto che veniamo puniti alla prima occasione, bisogna avere più attenzione nel curare la fase difensiva". Prima di parlare della formazione, gli sono state rivolte ancora domande sul caso Ibrahimovic alle quali Allegri ha risposo così: "Come ha detto Ibra, ha sbagliato in quel momento ma dargli addosso non è giusto anche perché fino ad ora era stato impeccabile. Lo aspettiamo più in condizione e sereno di prima". Per quanto riguarda i titolari di questa sera, l'unico dubbio è in attacco visto che i centrocampisti sono ancora contati: "Ambrosini giocherà davanti alla difesa, devo decidere la collocazione di Nocerino, Seedorf e Emanuelson. Potrebbe essere arrivato il tempo di Maxi Lopez, vedremo. Si sta impegnando in allenamento per integrarsi, risultarà utile da qui a maggio". Gli undici titolari di questa sera dovrebbero quindi essere: Amelia in porta; Abate, Thiago Silva, Mexes e Antonini in difesa; Emanuelson, Nocerino, Ambrosini e Seedorf a centrocampo; in attacco sicuro del posto è El Shaarawy con Robinho favorito su Maxi Lopez. Intanto arrivano buone notizie dall'infermeria: Pato, Nesta e Flamini lavorano sempre più intensamente e Boateng ed Aquilano migliorano giorno dopo giorno e forse qualcuno di questi cinque potrebbe andare in panchina già contro l'Arsenal.

Udinese-Milan in serie A è stata giocata per 36 volte: sette sono stati i successi bianconeri, 17 i pareggi e 12 le vittorie degli ospiti, con 28 reti friulane e 43 reti milaniste. L'ulitmo confronto al Friuli è stata l'ultima giornata dello scorso campionato che terminò 0-0 con il Milan che si eragià laureato campione d'Italia e l'Udinese che con quel pareggiò conquistò i preliminari di Cahmpions. Il Match di andata terminò 1-1 con i gol di Di Natale e la prima rete rossonera di El Shaarawy. La partita sarà arbitrata dal signor Bergonzi di Genova, con gli assistenti Marzaloni e Vuoto ed il quarto uomo Brighi.

Udinese 3-5-1-1 football formation A.C. Milan 4-3-1-2 football formation