Maggio: "C'è rammarico, ma siamo ancora in corsa"

Dopo il 2-2 dell'Olimpico, i primi a parlare del Napoli sono due difensori: Aronica e Maggio. L'amarezza per il gol nel finale di Simplicio è tanta, ma gli azzurri credono ancora nel terzo posto

Maggio: "C'è rammarico, ma siamo ancora in corsa"
(Getty Images)

Meglio la Roma nel primo tempo, meglio il Napoli nella ripresa. Il 2-2 dell'Olimpico forse è il risultato più giusto per quello che si è visto oggi in campo, eppure, nonostante le dichiarazioni del post-gara, sembra un pareggio che scontenta tutti. Scontenta il Napoli, che si è visto raggiungere allo scadere dopo una rimonta degna del "primo" Napoli targato Mazzarri. Scontenta anche la Roma, o meglio non spegne la contestazione dei tifosi, ormai schieratisi apertamente contro il progetto di Luis Enrique.

Se non fosse stato per quel gol di Fabio Simplicio (a segno anche all'andata contro i partenopei) staremmo ora a parlare di Napoli favorita per il terzo posto. E invece una disattenzione di Zuniga in copertura condanna gli azzurri ad un finale di campionato tutto da vivere, con Lazio, Inter, Udinese e Roma distanziate di quattro punti e pronte a giocarsi il terzo posto fino all'ultimo respiro. La difesa azzurra orfana di un perno come Hugo Campagnaro, stasera è stata croce e delizia di questo Napoli. Zuniga è passato alla gioia del gol (e che gol!) all'errore fatale che ha causato il pareggio in extremis di Simplicio. Fernandez, anche lui, si è fatto colpevolmente anticipare da Marquinho in occasione del primo gol giallorosso. E dalla difesa arrivano anche le prime dichiarazioni del post-partita.

Christian Maggio, dal sito ufficiale della squadra, riassume al meglio l'umore suo e dei suoi compagni a fine gara: "C'è rammarico ma siamo ancora in corsa. Ovvio che c'è un po' di amarezza per come è andata nel finale perchè eravamo riusciti a ribaltare la partita, ma bisogna dire che forse il risultato è giusto. Siamo vivi e lotteremo fino alla fine".

La pensa come Maggio il suo collega di reparto Salvatore Aronica: "Bisogna dire che nel primo tempo la Roma ci ha attaccato su tutti i lati. Nel secondo tempo siamo stati più bravi noi, loro sono calati e meritavamo di vincere. Il gol di Zuniga ci ha dato fiducia e siamo riusciti anche a segnare il raddoppio. Il pareggio ci può stare. Ovvio che siamo un po' dispiaciuti per quel gol nel finale ma nulla è ancora deciso. Dobbiamo cercare di vincerle tutte e poi fare i conti il 13 maggio. La nostra ambizione è conquistare il terzo posto e ce la giocheremo a viso aperto".

Pareggio giusto per alcuni giocatori, quindi ma non per mister Mazzarri. "Dovevamo chiuderla prima. Pari giusto? Non sono d'accordo. Se si vanno a contare le occasioni da una parte e dall'altra, il Napoli è in netto vantaggio. Quando abbiamo ribaltato il risultato, dovevamo fare il gol della sicurezza perchè le azioni le abbiamo avute, ma purtroppo senza sfruttarle a dovere. Dobbiamo maturare ancora da questo punto di vista se vogliamo diventare una grande squadra".