Il Napoli mostra il tris al Parma e al campionato

Walter Mazzarri ha festeggiato la trecentesima panchina in serie A, battendo il Parma per 3 - 1. Vittoria netta, ma partita chiusa soltanto nel finale a causa delle numerose occasioni da rete fallite dagli azzurri. Gol realizzati da Cavani su rigore, Pandev, Parolo e Insigne. Terzo successo consecutivo per gli azzurri, che mantengono la prima posizione in classifica. Fragile in difesa e poco incisiva in attacco la formazione di Donadoni.

Il Napoli mostra il tris al Parma e al campionato
Gettty Images
Napoli
3 1
Parma
Napoli: De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Aronica (Gamberini, min.1 st); Maggio, Dzemaili, Inler (Behrami, min.20 st), Hamsik, Zuniga; Pandev, Cavani (Insigne, min.31 st). Allenatore: Mazzarri.
Parma: Mirante; Zaccardo, Paletta, Lucarelli; Rosi (Palladini, min.35 st), Parolo (Acquah, min.23 st), Valdes, Galloppa, Gobbi; Ninis (Pabon, min.13 st), Belfodil. Allenatore: Donadoni.
SCORE: 1-0, min.3 pt, Cavani (rig.), 2-0, min.39 pt, Pandev, 2-1, min.44 pt, Parolo, 3-1, min.32 st, Insigne
ARBITRO: Andrea Gervasoni. Ammoniti: Mirante, Galloppa, Rosi, Inler, Valdes
NOTE: Serie A, 3a giornata. Partita disputata allo stadio "San Paolo" di Napoli.

E' stato un Napoli tutt'altro che perfetto. Troppe occasioni da rete fallite in maniera clamorosa, qualche inquietante svarione difensivo ed una concentrazione presente a fasi alterne. Il punteggio parla chiaro, ma l'andamento dell'incontro ha fatto si che solo a pochi minuti dal termine Walter Mazzarri potesse festeggiare la sua trecentesima panchina in serie A. Forse la fin troppo evidente superiorità tecnica degli azzurri ha fatto credere a molti di poter centrare l'obiettivo senza difficoltà. Ha dato loro una cospicua mano il Parma, che si è mostrato inconsistente in fase difensiva e scriteriato in quella offensiva. Ne hanno beneficiato Cavani, Pandev e Insigne, per ognuno dei quali ci sono motivi di soddisfazione. Ma stavolta l'audience del “San Paolo” ha premiato il giovane talento napoletano per il suo primo gol in serie A, segnato un minuto dopo il suo ingresso in campo.

MAZZARRI FA 300 - Per la sua trecentesima panchina in serie A Walter Mazzarri può disporre di tutti i suoi uomini tranne l'infortunato Britos, sostituito da Aronica. Soprattutto rientrano dopo due giornate di squalifica Dossena e Pandev. E proprio l'attaccante macedone è il giocatore più atteso dopo lo spazio lasciato finora ad Insigne. A centrocampo Dzemaili vince il ballottaggio con Behrami, mentre Zuniga tiene ancora fuori Dossena. Il Parma dell'ex Roberto Donadoni arriva in formazione rimaneggiata per l'assenza fra gli altri di Biabiany e Amauri, rimpiazzati in avanti dall'inedita coppia formata dal greco Ninis e l'algerino Belfodil.

CAVANI SUBITO IN GOL - Il campo del “San Paolo” è di nuovo in erba dopo la rizollatura degli ultimi giorni, necessaria dopo i problemi causati dal virus parassitario sviluppatosi durante l'estate. Ne beneficia subito la manovra in velocità degli azzurri. Passano appena due minuti e Hamsik effettua un lancio filtrante rasoterra per Pandev. Il dribbling su Mirante induce il portiere al fallo in area e Gervasoni a concedere il calcio di rigore. Sul dischetto va Cavani, che batte con forza e porta il Napoli sull' 1 - 0 e se stesso a quota 69 reti con la maglia azzurra. E' un avvio fulminante, a cui segue un diagonale ancora di Cavani di poco a lato.

PANDEV IN EVIDENZA - A fare la partita dovrebbe essere il Parma, ma i gialloblu fanno molta fatica a creare azioni pericolose. L'unico tiro nello specchio della porta è di Gobbi al 23', ma De Sanctis è pronto a deviare il pallone. Il ritmo del gioco si abbassa in maniera notevole, ma sul finire del primo tempo succede quello che non t'aspetti. Gli emiliani si sbilanciano in avanti e consentono a Cavani di lanciare il contropiede sulla destra per Hamsik sul filo del fuorigioco. Cross al centro dello slovacco per Pandev, che al 39' sigla il 2 - 0. Al 43' Dzemaili colpisce il palo esterno su punizione. La partita sembra chiusa, ma al 44' Parolo colpisce di testa in mezzo all'area un pallone che, deviato da Dzemaili, spiove fin dietro le spalle di De Sanctis. E' il gol del 2 - 1, che lascia aperto il risultato.

OCCASIONI FALLITE - Il Napoli rientra in campo senza la determinazione necessaria e lascia l'iniziativa al Parma. Ma sono proprio gli azzurri ad avere e a fallire almeno tre clamorose occasioni in contropiede. Al 5' Pandev anticipa di testa il meglio piazzato Cavani, all' 8' l'uruguagio si fa respingere di piede una conclusione di destro da distanza ravvicinata, al 9' Inler conclude alto da buona posizione. E' una sequenza che fa arrabbiare entrambi i tecnici per opposti motivi. Mazzarri vorrebbe maggiore efficacia in zona gol, Donadoni maggiore attenzione nel controllo del pallone.

INSIGNE PREDESTINATO - Per cercare di raggiungere lo scopo, si procede a qualche cambio. Il Parma fa entrare Acquah per rafforzare la diga a centrocampo, il Napoli chiama Insigne. Stupisce che a fargli posto sia Cavani, ma la scelta di Mazzarri si rivela giusta. E' il 32', un minuto dopo il suo ingresso in campo. Pandev si libera di due avversari con una giocata raffinata e libera il giovane talento che a tu per tu con Mirante finta il tiro sul secondo palo e infila il pallone su quello più vicino.. E' il 3 - 1 per il Napoli, nonché il primo gol in serie A per Lorenzo Insigne. Il finale è una serie di azioni buttate al vento da una parte e dall'altra con citazione per Belfodil, che al 39' riesce a non centrare la porta vuota dopo una serie di svarioni difensivi degli azzurri Ma ciò che resta è il terzo successo consecutivo del Napoli, che conserva così il primato in classifica.


Napoli 3-1 Parma di simaotvgolo12