Palermo a Firenze per trovare i punti della serenitá

Partita che si preannuncia combattuta tra le due formazioni. La Fiorentina vuole confermare la vittoria di San Siro, il Palermo invece tenterà di riscattare la sconfitta subita contro la Juve.

Palermo a Firenze per trovare i punti della serenitá
Fiorentina
Palermo / 20:45
Getty Images

Il Palermo vola a Firenze per dimenticare la disfatta casalinga di sabato sera contro la Juve e riscattare una prova apparsa scialba, anche se con le attenuanti delle numerose assenze. La Fiorentina vuole invece continuare nella striscia positiva di risultati che l’avvicinerebbero ad una tranquilla salvezza nelle prossime giornate, dopo un campionato diventato tormentato nell’ultimo mese, ma che ha visto i viola vincere a San Siro contro il Milan. Vittoria che ha caricato l’ambiente fiorentino e che preoccupa, e non poco, Bortolo Mutti: "Troveremo un ambiente "giusto" a Firenze, un ambiente più sereno e carico dopo la vittoria della scorsa settimana a Milano. Sicuramente i viola vorranno dimostrare di essere usciti dalla crisi, noi dovremo affrontarli con determinazione e decisione".

Risolto solamente in parte il problema delle assenze che aveva caratterizzato la partita che i rosanero hanno giocato contro la capolista Juve.  Se infatti rientrano dalle squalifiche Hernandez, Mantovani e Donati, Mutti perde Migliaccio, già in affanno sabato al “Barbera”, mentre restano ancora out in attesa di un recupero completo Balzaretti, Silvestre ed Aguirregarray. Alla lista degli infortunati si aggiungono poi Acquah e Milanovic, operato ieri al setto nasale dopo l´infortunio rimediato contro la Juventus.

"Abbiamo recuperato qualche uomo, altri li vedremo già domani. Forse qualche altro potrebbe recuperare, giocatori importanti che in un percorso di crescita possono dare tanto. Mi dispiace per Migliaccio, Silvestre e Balzaretti, che per noi sono anch’essi molto importanti. La presenza di Miccoli potrebbe essere importante per la squadra, per la sua fantasia, così come Ilicic ed Hernandez per la loro velocità e intraprendenza. Deciderò domani chi schierare in attacco."

Mutti dunque non si sbilancia su chi scenderà in campo anche se, rispetto all’ultima giornata di campionato potrà scegliere anche un modulo differente tornando con la difesa a quattro.

Dopo la vittoria di Bologna di due domeniche fa, il pericolo per il Palermo potrebbe essere il troppo rilassamento della squadra, fattore questo che però Mutti esclude categoricamente:  "Non abbiamo ancora raggiunto i 40 punti, vogliamo arrivare alla quota prefissata e poi iniziare un lavoro di sviluppo. Siamo contenti della vittoria a Bologna, adesso la classifica è più tranquilla, ma mancano ancora sette partite contro squadre che vogliono mostrare fino alla fine le loro qualità. Ci attende un finale di stagione con partite tutte importanti, non voglio vedere appagamento in qualche giocatore".

Gara che assume un fascino particolare anche per via dell’ex Delio Rossi, amato e mai dimentica a Palermo per i tanti risultati raggiunti. Fischio d’inizio alle 20.45, arbitrerà Dovèri di Roma1.