Pari al derby di Sicilia: primo tempo solo Catania, poi esce fuori il Palermo

Record di punti mai conquistati prima d'ora per il Catania. Punto fondamentale invece per il Palermo impegnato nella lotta salvezza

Pari al derby di Sicilia: primo tempo solo Catania, poi esce fuori il Palermo
Pari al derby di Sicilia: primo tempo solo Catania, poi esce fuori il Palermo

 

Solo Catania nel primo tempo, poi spunta il Palermo. Il derby di Sicilia non ha sinceramente offerto grandissime emozioni tra due squadre a cui il pari stava molto bene. Palermo assente nei primi quarantacinque minuti gioco, con il Catania che penetrava bene gli spazi lasciati dal centrocampo rosanero, imbarazzante nella gara del “Barbera”. Prestazione da dimenticare per i vari Donati,Bertolo ed Hernandez. Si salva solo Miccoli. Grande Catania invece, con Gomez che dimostra ancora una volta la sua qualità. Ed è proprio la squadra di Vincenzo Montella a portarsi meritatamente in vantaggio al 25’ con Legrottaglie che sfrutta l’ennesimo errore difensivo della difesa del Palermo ed insacca alle spalle di Viviano. Assente ingiustificato il reparto difensivo di Bortolo Mutti. Poi il Catania cala l’intensità del gioco, ma chiude comunque avanti il primo tempo. Il secondo tempo inizia col Palermo sempre in attacco n cerca del pareggio, fondamentale per le sorti della classifica a dir poco traballante dopo la sconfitta di mercoledì scorso contro il Parma. Il Catania sembra essere rimasto negli spogliatoi, n on affonda più ed è il Palermo così a crescere e sfiorare più volte il pari. Pari che arriva dal destro imparabile di Fabrizio Miccoli che torna a far respirare il Palermo dopo due minuti dalla ripresa del gioco. Poi più Palermo che Catania, che deve fare i conti pure con i tantissimi infortunati del derby. Hernandez colpisce il palo sul finale di gara, poi entrambe le squadre si accontentano di un punto. Il Catania batte il record di puti conquistati in campionato, il Palermo trova un punticino salvezza fondamentale.  

“L´atmosfera derby si è sentita. E’chiaro che la pressione c´è, i nostri tifosi non ci hanno mai fatto mancare il tifo e l´appoggio, sono stati con noi fino alla fine, penso che la squadral´abbia anche meritato. Adesso un calendario assurdo ci farà andare a Napoli. Ci sono gare troppo vicine, purtroppo è così e ne prendiamo atto. Siamo un po´ in emergenza e c´è qualcuno che è stanco”. Commenta così la partita tra i lsuo Palermo ed il Catania, Bortolo Mutti in sala stampa. L’allenatore rosanero, subentrato a Devis Mangia, proprio dopo la sconfitta nel derby di andata persa 2-0 dal Palermo, fa poi un’analisi su i suoi mesi trascorsi in Sicilia:  “l´esperienza a Palermo dopo qualche mese che sto qui la ritengo molto positiva. Da quando sono qua sto gestendo una situazione critica. Non era facile, ma con equilibrio io e il mio staff stiamo portando avanti un lavoro particolare. E´ stata un´annata particolare, gestita in maniera plurima. Ma il gruppo ha dimostrato grande carattere”.

 

TABELLINO
PALERMO-CATANIA  1-1


PALERMO(4-3-1-2): Viviano, Munoz, Migliaccio, Silvestre, Mantovani, Barreto, Donati, Bertolo(Acquah 88’s.t.), Ilicic(Zahavi 85’s.t.), Miccoli, Hernandez(Budan 82’s.t.). A disp.: Tzorvas, Milanovic, Pisano,  Vazquez. All. Mutti
CATANIA(4-3-3): Carrizo, Motta, Spolli, Legrottaglie, Marchese, Izco, Lodi, Almiron(Seymour 67’s.t.),  Gomez, Bergessio, Barrientos(Llama 75’s.t.)(Catellani 78’s.t.). A disp.: Terracciano,  Bellusci, Ricchiuti, Lanzafame. All. Montella

Arbitro: Rocchi di Firenze
Marcatori: Legrottaglie(C) 25’p.t., Miccoli(P) 47’s.t.
Ammoniti: Legrottaglie(C), Miccoli(P), Ilicic(P), Spolli(C), Barrientos(C)