Mutti: "Nessun rammarico, ma società ha sbagliato"

Ultima panchina rosanero per Bortolo Mutti che si sfoga nell'ultima conferenza stampa stagionale al "Barbera"

Mutti: "Nessun rammarico, ma società ha sbagliato"
Mutti: "Nessun rammarico, ma società ha sbagliato"

E’ una partita fondamentale quella di domani sera, soprattutto per il Genoa a cui basta un punto per la salvezza matematica. Il Palermo è già salvo e fuori da tutta da tempo. “Giocheremo per noi stessi” dice Mutti in quella che ha tutta l’aria di essere la sua ultima conferenza stampa in rosanero. Ed allora se ne approfitta per fare un bilancio di questi mesi. Mesi in cui l’obiettivo salvezza è stato raggiunto, ma in cui si è rischiato non poco.

Noi all´interno sappiamo i problemi che avevamo, poi è giusto che all´esterno si parli pensando che siamo il Palermo, ma si sono corsi dei rischi". Il Palermo non deve avere una gestione così allegra, non si può cambiare tutto ogni mese per una qualificazione sfumata in Europa League e ribaltare un progetto. Poi Palermo è Palermo, ci vuole una gestione molto più forte a livello societario”. Parole dure, queste, per una società onestamente mai allo sbando come quest’anno. Lo dimostrano i risultati, le statistiche: le peggiori in nove anni di serie A. Tornando alla partita di domani sera, mancherà Fabrizio Miccoli, fermato da un piccolo infortunio nell’allenamento di venerdì sera, mentre non prenderà comunque parte alla gara Mathias Silvestre, il difensore argentino squalificato contro il Genoa, ma al centro di alcune polemiche in settimana dopo le dichiarazioni sulla sua permanenza a Palermo.

Parole che lo stesso Mutti ha definito “inadeguate”: “Ho parlato un po´ con lui di questo, è stata un´uscita un po´ fuori luogo, in questo momento lui poi si sente alla ricerca di una realtà migliorativa ma Palermo è una piazza importante al di là dell´anno un po´ particolare. Lui si è un po´ pentito, ci tiene molto alla sua carriera, vuole il grande salto di qualità. Certo per me, per la società e i tifosi è stato un po´ fastidioso. Fino a domenica sera posso parlare da allenatore del Palermo, posso dirlo in maniera esplicita. Fino in fondo ho voluto gestire il gruppo: se voleva andar via doveva magari parlarne con la società. È un giocatore costoso e quando c´è da fare qualcosa bisogna farlo in maniera oculata”.

Da lunedì si penserà già al futuro della squadra, affidata molto probabilmente all’attuale tecnico del Siena Sannino, oltre che a Giorgio Perinetti che diverrà il nuovo vice presidente esecutivo. Nonostante tutto anche Mutti ha voluto dire la sua sulla prossima stagione rosanero: “I presupposti per far meglio ci saranno, però certo non si può gestire la squadra come quest´anno. Gli errori sono stati fatti a livello societario. C´è stata una gestione troppo allegra, bisogna gestire realtà come questa con grande equilibrio e certezza. È stato l´errore più grande fatto all´inizio”. Genoa - Palermo si giocherà alle 20.45 ancora a porte chiuse dopo i disordine della tifoseria rossoblù nella gara contro il Siena di qualche domenica fa. Arbitrerà Valeri di Roma2.