Parma, sognare non costa nulla

Domani nell'anticipo delle 12.30, i gialloblù andranno a Siena per giocarsi fino in fondo quella piccola chance che c'è di centrare un posto in Europa.

Parma, sognare non costa nulla
(Getty Images)
Siena
Parma / h 12.30
(Getty Images)

La squadra è partita stamani per Coverciano, dove svolgerà un allenamento di rifinitura in vista della trasferta di Siena di domani all’ora di pranzo. Donadoni dovrà fare sicuramente a meno di Valdes e Santacroce squalificati, ed sta prendendo piede l’opzione Musacci dal primo minuto a centrocampo. Ed è lo stesso tecnico, nella conferenza stampa di questa mattina, ad aver svelato la sue mosse, dopo una domanda riguardante il giovane Pereira; “io mi auguro di poter dare  spazio anche a lui, ma non so, sono rimaste due gare. Credo che Musacci, per le caratteristiche che ha, abbia qualche possibilità in più”. Floccari non è al 100%, ed Okaka è in preallarme per una maglia da titolare,  mentre sarà ancora Pavarini a difendere la porta crociata.

Gli incroci che porterebbero il Parma in UEFA, sono incastrati quanto un cruciverba di Bartezzaghi. I crociati devono vincere entrambe le partite rimaste, e sperare che l’Inter le perda tutte e due (derby e Lazio), e nel frattempo che la Roma esca sconfitta almeno da una delle gare restanti (Catania e Cesena). Nei precedenti tra Donadoni e le squadra toscana, troviamo 2 vittorie del tecnico, 2 pareggi, e 3 sconfitte, ed i bianconeri sono sempre andati a segno in queste 7 gare.

Cosi come i gialloblù sono entrati in campo a Lecce, sapendo che la squadra di Cosmi lottava per non retrocedere, andranno in campo domani per giocarsi la partita alla pari con il Siena (già salvo) e cercare di ottenere il massimo dalle proprie gambe, e poi, per poi dare uno sguardo a cosa succederà negli altri campi.