EuroUdinese, 3-1 al Parma

La vittoria dei friulani, unita alla sconfitta della Roma a Lecce, permette ai bianconeri di riportarsi al 3/o posto aspettando il posticipo di questa sera tra Napoli e Lazio.

EuroUdinese, 3-1 al Parma
Pinzi e Mariga in azione sotto al diluvio di Udine.
Udinese
3 1
Parma
Udinese: Handanovic; Benatia (Coda, min. 45), Danilo, Domizzi; Armero (Pasquale, min. 84), Asamoah, Pazienza, Pinzi, Pereyra; Barreto (Abdi, min. 65), Di Natale.
Parma: Mirante; Zaccardo, Paletta, Lucarelli; Biabiany, Mariga, Valdes (Okaka, min. 62), Galloppa, Gobbi (Modesto, min. 68); Floccari, Giovinco.
SCORE: 1-0, min. 45, Asamoah. 2-0, min. 57, Di Natale. 2-1, min. 85, Lucarelli. 3-1, min. 93, Asamoah.
ARBITRO: G. Gava. Ammoniti: Valdes (min. 14), Armero (min. 16), Gobbi (min. 32), Pereyra (min. 33), Galloppa (min. 34), Domizzi (min. 83).
NOTE: Si gioca al Friuli, Udinese-Parma valida per la 31/a giornata di Serie A.

L’Udinese esce dalla crisi riuscendo a battere il Parma, squadra che nelle ultime stagioni aveva sempre creato moltissimi problemi ai friulani. Guidolin schiera il solito 3-5-2, partono dall’inizio i recuperati Barreto e Benatia. In avanti, dunque, Di Natale con Barreto, i due formano una coppia inedita per i friulani. Il Parma prova a superare l’ostacolo Udinese affidandosi a Floccari e Giovinco. Nel corso del primo tempo le squadre si elidono a vicenda, il pallino del gioco rimane all’Udinese ma anche il Parma crea delle buone occasioni. Al 32’ decisione discutibile dell’arbitro che fischia il fallo di Pereyra che ferma Giovinco lanciato in contropiede ma non giudica chiara occasione da rete ed estrae solamente il giallo.

Al 45’, quando il risultato del primo tempo sembra ormai deciso, l’Udinese trova il vantaggio con Asamoah. Bella azione con cross di Pinzi, sponda aerea di Di Natale e gran botta del centrocampista ghanese da centro area. Il secondo tempo parte con un ottimo Parma alla ricerca del pari. Giovinco si mette in evidenza ma, nel momento peggiore per l’Udinese, ci pensa il solito Di Natale. Stop in area e destro fantastico di controbalzo ad incrociare, Mirante non può nulla, 2-0. Quando la partita sembrava definitivamente chiusa arriva la rete di Lucarelli che, con una grande conclusione all’incrocio sugli sviluppi di un corner, batte Handanovic. Il Parma si getta in avanti scoprendosi per il contropiede che, puntualmente, arriva. Di Natale conclude addosso a Mirante e, in tapin, Asamoah segna il 3-1 che chiude il match. Con questa vittoria l’Udinese torna in zona Champions League, aspettando lo scontro tra Lazio e Napoli di questa sera.

La Cronaca

Pronti via ed è subito l’Udinese a comandare il gioco, il ducali però sono molto bravi a chiudere gli spazi e a bloccare le iniziative avversarie. La prima vera occasione capita, infatti, al Parma. Al 9’ Mariga impegna Handanovic con un forte destro sul primo palo, il portiere è molto bravo a deviare in corner. L’Udinese mostra tutte le sue qualità al 13’. Pereyra per Barreto, pallonetto di quest’ultimo per l’inserimento in area di Pinzi che prova l’assist vincente sbagliando però misura, grande azione tutta di prima. Pereyra sta giocando molto bene e crea molti pericoli sulla destra, su quella fascia il Parma soffre particolarmente e anche Di Natale di tanto in tanto prova a sfondare da quella parte. Al 23’ Floccari serve Gobbi sulla sinistra, il terzino prova con il sinistro ma Handanovic fa buona guardia e respinge in corner. 1 minuto dopo l’Udinese parte in contropiede, sugli sviluppi Pazienza arriva al tiro dal limite dell’area, il gran destro termina di poco alto sulla traversa.

Al 32’ i friulani vengono graziati dall’arbitro. Giovinco è lanciato a rete e viene vistosamente trattenuto da Pereyra che evita il rosso di un soffio, forse l’arbitro si è fatto condizionare dalla lontananza dalla porta, il fallo è infatti avvenuto al centro del campo. Al 36’ Udinese ancora pericolosa sulla destra, stavolta è Pinzi a mettere in mezzo un bel pallone per lo stacco di Di Natale che, sul secondo palo, colpisce di testa a lato. Al 40’ tegola per Guidolin, Benatia non ce la fa e deve uscire, per lui una probabile ricaduta. La svolta arriva al 45’. Ancora una volta l’Udinese sfonda sulla destra, Pinzi va al cross, sul secondo palo Di Natale mette in mezzo di testa per l’arrembante Asamoah che, tutto solo in mezzo all’area, batte facilmente Mirante, 1-0.

Il secondo tempo parte con un ottimo Parma che si porta in avanti alla ricerca del pareggio. Giovinco è il più attivo e mette in crisi la difesa bianconera. Proprio nel momento di maggior crisi l’Udinese raddoppia. All’11’ Armero sfonda per la prima volta sulla sinistra e mette al centro, Di Natale stoppa e batte di controbalzo verso il secondo palo, un eurogol per l’attaccante friulano, 2-0. Il Parma avrebbe subito l’occasione per rifarsi sotto, ancora l’ottimo Giovinco trova Floccari che di testa, tutto solo, spedisce alta la palla. Dopo il secondo gol il Parma va lentamente a spegnersi, l’unico che sembra rimanere sul pezzo è Giovinco ma i compagni non sembrano in giornata. Dall’altra parte l’Udinese, seppur stanca, è molto intelligente nell’amministrare il gioco senza correre troppi pericoli.

All’improvviso Lucarelli suona la sveglia per il Parma. All’84’ Giovinco da corner batte in mezzo all’area, respinge la difesa, da fuori area Lucarelli calcia all’incrocio e batte l’incolpevole Handanovic. Una partita che sembrava finita si riapre all’improvviso. Il Parma ora si getta in avanti. Scambio tra Okaka e Floccari con il primo che però tira malissimo e fuori. Durante il forcing dei crociati riparte in contropiede Totò Di Natale, il capitano friulano tira addosso a Mirante, in tapin arriva Asamoah che segna a porta vuota, 3-1 e match concluso.