Temi del giorno: Qualità
Connect with facebook

Lazio ad un passo dall'eliminazione

Finisce a reti inviolate lo scontro diretto tra i biancocelesti e i romeni del Vaslui. Le due squadre restano appaiate a 6 punti in classifica. Si deciderà tutto nell'ultima giornata del 15 dicembre

Lazio ad un passo dall'eliminazione
Edy Reja, il destino della sua Lazio in Europa resta appeso a un filo
Vaslui
0
0
Lazio
Vaslui: Cerniauskas; Milanov, Farkas, Pappa, Milijavljevic; Adailton, Pavlocic, Gladstone (Zmeu, min.71), Sanmartean; Temwanjera (Bello, min.90), Buhaescu (Jovanovic, min.58). All.Hizo.
Lazio: Marchetti; Konko (Kozak, min.88), Biava, Diakitè, Radu; Cana, Gonzalez, Lulic (Sculli, min.59); Hernanes; Klose, Cissè (Rocchi, min.71). All. Reja.
ARBITRO: Mazic (Serbia). Ammoniti: Temwanjera (min.19), Papp (min.22), Hernanes (min.28), Gladstone (min.32), Radu (min.65), Jovanovic (min.85).
NOTE: Europa League - Girone D - 5^ giornata

E ora per accedere ai sedicesimi di Europa League alla Lazio una vittoria potrebbe non bastare. Il pareggio in casa del Vaslui complica i piani degli uomini di Edy Reja. I biancocelesti non sono riusciti a vincere lo scontro diretto in Romania restando a pari punti in classifica col Vaslui. Sarà decisiva l’ultima giornata per decidere quale delle due squadre del girone D di Europa League farà compagnia allo Sporting Lisbona, già qualificato, nella fase a scontri diretti. Qualora Lazio e Vaslui restassero a pari punti passerebbe la squadra romena, in virtù della miglior differenza reti negli scontri diretti. All’Olimpico, infatti, finì 2-2.

Fra due settimane la squadra di Reja ospiterà i portoghesi dello Sporting Lisbona, mentre il Vaslui sarà impegnato in casa dello già eliminato Zurigo. Tutto può ancora accadere, ma il percorso europeo della Lazio è fortemente compromesso. Poca continuità da parte dei biancocelesti che dopo una buona partenza, hanno rallentato la presa, per provare l’assalto finale negli ultimi 10 minuti. Troppo poco per espugnare il fortino romeno.

Subito in apprensione la difesa del Vaslui. Dopo una conclusione alta di Biava, al 12’ ghiotta occasione per i biancocelesti: Klose, servito da uno splendido assist di Gonzalez, si fa ipnotizzare da Cerniauskas. La Lazio del primo tempo è tutta qui. Nel clima glaciale dello stadio di Piatra Neamt  vengono fuori i padroni di casa che ci provano con diverse conclusioni dalla distanza e con le punizioni mancine di Adailton, una vecchia conoscenza del nostro calcio. Al 43’ serve un grande Marchetti in chiusura su Gladstone per tenere a galla i biancocelesti.

La ripresa corre via su ritmi blandi. Dopo quindici minuti ci prova il solito Adailton su punizione con la palla che finisce di poco alta. Al 70’ gol annullato a Temwanjera partito in posizione di offside. Reja, intanto, rinforza il reparto avanzato prima con Sculli e poi con Rocchi. E al 73’ la palla buona capita proprio sui piedi di Sculli che da pochi passi spara alto.

Poco più tardi è un diagonale di Rocchi a mettere i brividi. Al 38’ Lazio a un passo dal baratro: il colpo di testa del solito Temwanjera scheggia il palo. Forcing finale dei biancocelesti che gettando qualche pallone in avanti provano a graffiare nella retroguardia del Vaslui. E nei minuti di recupero un’uscita imprecisa del portiere di casa, offre a Sculli la palla per la qualificazione. L’ex Genoa ci prova, ma la palla finisce alta sopra la traversa rinviando tutto al 15 dicembre.