Italbasket a Slovenia 2013

Sesta vittoria consecutiva della nazionale di Pianigiani e matematica qualificazione a Euro 2013. Repubblica Ceca sconfitta per 68 a 56.

Italbasket a Slovenia 2013
Lapresse

Il cammino dell’Italia per la qualificazione a Euro 2013 è cominciato a metà di agosto con un roboante 97 a 45 ai danni del Portogallo. E’ però la vittoria con la Turchia di Tanjevic, per 78 a 69, raggiunta negli ultimi minuti di gara dopo aver subito tutta la partita, che ha indirizzato il discorso qualificazione verso un cammino in sicurezza. I successi seguenti conquistati in trasferta con Repubblica Ceca (53 a 63) e Bielorussia (63-84) hanno suggellato un percorso netto che è andato oltre ogni più rosea previsione.

La dea bendata ci ha sicuramente regalato, in fase di sorteggio, un girone di qualificazione molto abbordabile ma le insidie di squadre poco blasonate (eccezion fatta per la Turchia) e le amnesie di una nuova Italia in fase di costruzione potevano creare più di un danno.

Merito a coach Pianigiani di avere unito giocatori di provenienza e fama diversa (ricordiamoci le defezioni di Belinelli e Bargnani) rendendo importante anche l’apporto di chi ha visto poco il campo (es. Vitali e Chiotti). Così Gallinari ha brillato senza eccedere. Mancinelli, Aradori, Hackett e Datome si sono rivelati a turno pedine preziose mentre i vari Cusin, Gigli, Poeta ecc. hanno regalato un contributo fondamentale alla causa.

L'Italbasket quindi senza sbagliare un colpo si qualifica per gli Europei del 2013  con due turni d'anticipo e con la matematica certezza di accedere alla rassegna continentale in programma dal 4 al 22 settembre del prossimo anno in Slovenia. Al PalaTrieste gli azzurri superano 68-56 la Repubblica Ceca grazie a uno scoppiettante Pietro Aradori (16 punti e 6 rimbalzi). In doppia cifra anche Danillo Gallinari (10 punti).

Tra gli avversari 12 punti e 9 rimbalzi per Benda e 10 punti per Barton. Con sei vittorie su sei e quattro lunghezze di vantaggio sulla Repubblica Ceca seconda, l'Italia mette così in cassaforte il primato nel girone F.

"E' la qualificazione di tutta la squadra - ha detto il ct Simone Pianigiani - ed è importante non solo per il risultato ma anche e soprattutto per come l'abbiamo ottenuto. I ragazzi hanno giocato insieme, aiutandosi a vicenda e sacrificandosi fin dalla preparazione. Anche chi non ha giocato, o ha giocato poco, è stato fondamentale. Luca Vitali, ad esempio, non e' stato molto in campo questa estate ma anche stasera ha dato il suo contributo come nelle altre gare giocando anche in ruoli diversi da quello di play. L'esperienza che stiamo facendo questa estate deve essere un patrimonio per i prossimi anni".