Al Mugello il sole bacia Pedrosa

Pedrosa è il poleman del GP del Mugello 2012, battendo Jorge Lorenzo che per un problema alla moto non riesce a migliorare il suo tempo nell’ultimo minuto a disposizione. Terzo uno straordinario Hector Barbera, crisi per Stoner solo quinto. Dal nostro inviato.

Al Mugello il sole bacia Pedrosa
Dani Pedrosa #26 (Reuters Pictures)

MUGELLO - Questa mattina il sabato del GP del Mugello ha visto un cielo denso di nuvole che poteva minacciare la buona riuscita dei turni di qualifica, ma fortunatamente poi il sole ha avuto la meglio ed è comparso, riscaldando il circuito. L’adrenalina qui al Mugello è alle stelle, essendo peraltro una delle gare più attese della stagione del Motomondiale, e le prove di oggi non hanno di certo deluso, regalando emozioni straordinarie. Per quanto riguarda la MotoGP, gli spagnoli sono stati al centro dell’attenzione, nel bene o nel male. Alvaro Bautista ha infatti iniziato il weekend italiano in una pessima maniera, cadendo in tutte e tre le sessioni di prove libere, soffrendo molto in frenata. Il momento positivo di Pedrosa si riconferma proprio qui dopo la vittoria del Sachsenring ed il suo ritardo in classifica di soli 14 punti dal leader Jorge Lorenzo. Proprio il maiorchino ha conquistato il secondo posto in griglia, mettendo dietro di se la Ducati di Hector Barbera.

FONDAZIONE SIC - Curiosando un po’ prima di entrare nel vivo delle qualifiche, è giusto dedicare due parole ad una bellissima iniziativa che ha avuto luogo. Ai genitori del caro Marco Simoncelli è stata donata dalla Honda l’ultima moto utilizzata dal figlio, che poi verrà messa all’asta ed i proventi andranno alla Fondazione Marco Simoncelli. Tanta commozione per papà Paolo e per la squadra di Marco, il Team Gresini, che ha deciso per un ritorno alla livrea bianca, abbandonando quella nera che utilizzava dall’inizio della stagione in corso. Oltre a Lorenzo, anche Valentino Rossi si presenta con un nuovo casco, che porta l’immagine del cantante Gianni Morandi e una delle celebri frasi di quest’ultimo: Restiamo uniti! Un invito alla Ducati a non mollare in un momento di crisi ed a proseguire il lavoro assieme.

PEDROSA OK, MALE ROSSI - Il turno che decideva la posizione dei piloti nel GP d’Italia comincia con la certezza che Lorenzo è il pilota più veloce, ed i suoi tempi nelle libere lo dimostrano: potrebbe avere il miglior passo per la gara 2012, dopo aver portato a casa la vittoria nella scorsa stagione. Stoner fin dall’inizio sottolinea il suo momento di crisi, forse dovuto all’errore con caduta della settimana scorsa, nel GP di Germania. Ritardi sostanziosi dai primi, che pian piano diminuiscono, ma che non lo fanno comunque andare oltre il quinto crono finale. La magia oggi la fa Barbera, che stampa varie volte il miglior tempo e porta in alto la rossa di Borgo Panigale, precedendo un’altra Ducati: quella di Nicky Hayden. Solo decimo invece il compagno di marca dei due, Valentino Rossi, che nella storia ha dimostrato di saper interpretare molto bene il circuito del Mugello. Il colpo di scena ha la firma di Jorge Lorenzo, che a meno di un minuto dalla fine, mentre stava finendo il suo giro veloce, sente che la moto non risponde più e rientra ai box dando un grosso schiaffo sul cupolino della sua Yamaha. Pedrosa quindi va a conquistare la pole position e si fa sentire, come a ricordare che il mondiale non è solo un affare tra Lorenzo e Stoner, lui è sempre pronto a fare il terzo incomodo.

MotoGP World Championship 2012
Mugello, Classifica Qualifiche

01- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V – 1’47.284
02- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.139
03- Hector Barbera – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP12 – + 0.261
04- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP12 – + 0.387
05- Casey Stoner – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 0.405
06- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.465
07- Andrea Dovizioso – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.467
08- Stefan Bradl – LCR Honda MotoGP – Honda RC213V – + 0.573
09- Ben Spies – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.865
10- Valentino Rossi – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP12 – + 1.218
11- Alvaro Bautista – San Carlo Honda Gresini – Honda RC213V – + 1.610
12- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP12 – + 2.103 (CRT)
13- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP12 – + 2.166 (CRT)
14- Michele Pirro – San Carlo Honda Gresini – FTR Honda MGP12 – + 2.979 (CRT)
15- Yonny Hernandez – Avintia Blusens – BQR MotoGP – + 3.326 (CRT)
16- James Ellison – Paul Bird Motorsport – ART GP12 – + 3.528 (CRT)
17- Mattia Pasini – Speed Master Team – ART GP12 – + 3.669 (CRT)
18- Ivan Silva – Avintia Blusens – BQR MotoGP – + 3.958 (CRT)
19- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – Suter BMW – + 4.064 (CRT)
20- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – Ioda TR003 – + 4.189 (CRT)