Rossi – Yamaha: annuncio anticipato

Pare proprio che già domani si avrà l'annuncio ufficiale del matrimonio dell'anno: Valentino torna alla Yamaha.

Rossi – Yamaha: annuncio anticipato
Valentino Rossi #46

A quanto scrivono i giornalisti della “Gazzetta dello Sport” il comunicato che ufficializza il passaggio del nove volte campione del mondo dalla Ducati alla Yamaha è questione di ore. Aspettare fino a ferragosto, come sarebbe dovuto andare, è troppo tardi, considerando che ormai la notizia era stata praticamente data martedì dalla stessa Gazzetta. Inutile quindi aspettare il 15 agosto e tanto meno il gran premio di Indianapolis se ormai la notizia è sulla bocca di tutti. Tolto il dente, tolto il dolore per la Ducati, che rimane a bocca asciutta di vittorie e titolo con il pilota più prestigioso. Un fallimento per entrambi, una sconfitta amara da buttare giù durata due lunghi anni nei quali i meccanici della rossa hanno fatto il possibile e l'impossibile per dare a Valentino una moto competitiva. Anche se il pesarese negli ultimi tempi, complici gli scarsi risultati e la stanchezza di non poter puntare in alto, si era lasciato andare a dichiarazioni che puntavano il dito su problemi tecnici che non venivano risolti.

 

Si volta pagina quindi, e si torna indietro di due anni. Vale salirà di nuovo sulla sella dell'amata Yamaha e troverà come compagno di squadra il non tanto amato Jorge Lorenzo. Che tra i due non scorra buon sangue, questo l'hanno detto forte e chiaro, e proprio nel 2010 era stato uno dei motivi che, unito agli altri, aveva portato il Dottore dritto dritto nella casa di Borgo Panigale, dove desiderava concludere la sua carriera e conquistare il decimo titolo iridato. Adesso, probabilmente più maturi e cambiati in questi anni, la convivenza tra i due potrà essere più pacifica. Lo spagnolo aveva dichiarato che per Valentino la porta era aperta e dal canto suo l'italiano dovrà sopportare solo due anni la presenza di Lorenzo, magari chiedendo anche di innalzare il muro tra le due squadre, come prima. Sicuramente Valentino sarà felice di tornare su una moto giapponese, che durante la sua assenza non dovrebbe essere cambiata poi così tanto. E se davvero la congiunzione tra moto e pilota torna ad essere quella di un tempo, allora vorrà dire che ci aspettano due stagioni davvero esplosive. Dopo il ritiro di Casey, che faceva presupporre un immediato futuro alquanto spento, non avendo Lorenzo reali avversari alla sua altezza, ecco che invece la situazione si potrebbe fare più interessante che mai e si potrebbe tornare “tutti in piedi sul divano”.