Checa: “Vincere a Imola è meraviglioso”

Ecco le dichiarazioni dei protagonisti della giornata di SBK a Imola.

Checa: “Vincere a Imola è meraviglioso”
SBK, Imola: le dichiarazioni dei piloti (Getty Images)

Il secondo round del Mondiale Suberbike ci ha portati ad Imola. Qui abbiamo assistito al trionfo di Carlos Checa, vincitore di gara1 e gara2, mentre i due quarti posti di Biaggi non hanno soddisfatto. Checa passa in testa alla classifica, staccando di quattro punti il suo avversario romano. I due secondi posti di Sykes lo portano in terza posizione nella classifica generale, permettendogli di entrare nella lotta per il titolo insieme ad Haslam e Melandri, staccati rispettivamente ventotto e ventinove punti dalla vetta.

CARLOS CHECA (vincitore di gara1 e gara2): “All’inizio di gara1 faticavo a seguire Tom Sykes. Poi, però, lui ha avuto un calo di gomme ed io ho approfittato delle sue difficoltà. La nostra scelta di gomme è stata buona. La vittoria in gara2 ci dà la forza ed il coraggio di affrontare le prossime gare. Sapevamo che sarebbero state gare difficili, speravamo di vincerle tutte e due, ma non è stato facile. Quando Tom (Sykes, ndr) ha calato il ritmo, l’ho passato e l’ho distaccato di 3, 4 decimi, che mi hanno permesso di allontanarmi e gestire il vantaggio. Vincere ad Imola è meraviglioso!”

TOM SYKES (secondo in gara1 e gara2): “Abbiamo fatto una simulazione di gara con il caldo, il freddo ha complicato un po’ la situazione. Le condizioni climatiche non ci hanno aiutati. Comunque sono contento per la pole ed i due secondi posti. Abbiamo fatto un gran lavoro. Ma non solo noi. La Ducati è fortissima, ha fatto un buon lavoro e Carlos Checa ha corso una grande gara”.

LEON HASLAM (terzo classificato in gara1 e gara2): “In gara1 abbiamo avuto un inizio un po’ complicato, ho commesso qualche errore. Il duello con Biaggi è stato divertente, mi ha fatto pensare al 2010. Insomma, un bel ricordo. Anche gara2 è stata difficile. Negli ultimi giri avevo un problema di chattering, ma sto imparando a conoscere la moto e a capire dove sono i problemi. Sono molto contento anche dell’arrivo di Melandri nel team. Ha portato tanti uomini Yamaha con tanta esperienza. Faremo grossi progressi insieme”.

MARCO MELANDRI (sesto in gara1 e decimo in gara2): “Ho avuto problemi di chattering e delle difficoltà con il cambio. Non avevo il giusto passo per stare con Biaggi e Haslam. In gara1 volevo passare in fretta Laverty, ma alla Tosa ho messo la prima marcia, ma mi è rimasta in folle”.

LORENZO ZANETTI (ottavo in gara1 e tredicesimo in gara2): “Ho lavorato sodo e mi sono preparato fisicamente durante tutto l’inverno. La stanchezza si sente fino ad un certo punto, si sente più l’adrenalina della gara. Peccato per il cedimento delle gomme, mi sembrava di correre sul sapone e ho perso tre posizioni”.

DAVIDE GIUGLIANO (out in gara1 e gara2): “E’ stato un weekend sfortunato. Abbiamo dato il 100%, ma un problema tecnico ci ha fermati in gara2. Sono molto orgoglioso di aver lottato con Melandri, lo seguivo dalle minimoto, lo guardavo in tv da quando ero bambino. Alla fine è stata una bella gara”.