Misano: a Sykes la superpole

Misano: a Sykes la superpole

Il pilota della kawasaki conquista, per la quinta volta in questa stagione, la superpole. Prima fila per Rea, Badovini e Giugliano. A sorpresa, Biaggi 10°, Melandri 13° e Checa 16°.

Sabato ricco di colpi di scena su quello che da oggi è il Misano World Circuit Marco Simoncelli. Nel primo pomeriggio è caduta qualche goccia d’acqua, così la Superpole è stata dichiarata “wet” (bagnata). Iniziata la SP1, molti piloti sono scesi immediatamente in pista per evitare eventuali scrosci di pioggia. Ma è uscito il sole e la pista, all’inizio umida, è andata via via asciugandosi, permettendo ai piloti di abbassare i tempi. Le condizioni meteo variabili hanno fatto sì che alcuni piloti rientrassero ai box per cambiare le gomme e mettere le slick e le gomme da Superpole successivamente.

Ma la vera sorpresa di questa SP1 è l’esclusione dei top rider, Biaggi, Melandri e Checa. Il pilota romano non va oltre il 10° posto, mentre Marco Melandri, che lamenta problemi di chattering, scatterà dalla 13ª posizione. Quando mancano meno di due minuti alla fine della SP1, Carlos Checa viene richiamato ai box. Ci si accorge immediatamente che la scelta è sbagliata, infatti viene fatto rientrare in pista. Purtroppo è troppo tardi per segnare un buon tempo e, dopo l’errore clamoroso del team Ducati Althea, il pilota catalano viene relegato al 16° posto.

Protagonista assoluto della SP2 è Sykes, che fa segnare il miglior tempo, piazzandosi in testa ed ottenendo la sua quinta Superpole stagionale. Rea, nonostante i giri veloci, non è riuscito a sopravanzare il rivale, piazzandosi così in seconda posizione. Le due sorprese della SP2 sono state italiane. La terza casella è per Ayrton Badovini e, a chiudere la prima fila, c’è Davide Giugliano. Seconda fila per Smrz, davanti ad Haslam e Laverty. Ottava posizione per Guintoli, autore di una scivolata per fortuna senza conseguenze.

eni FIM Superbike World Championship 2012
Misano Adriatico, Classifica Tissot-Superpole (SP2)

01- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – 1’35.375
02- Jonathan Rea – Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR – + 0.616
03- Ayrton Badovini – BMW Motorrad Italia GoldBet – BMW S1000RR – + 0.708
04- Davide Giugliano – Althea Racing – Ducati 1198 – + 0.772
05- Jakub Smrz – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198 – + 0.808
06- Leon Haslam – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 0.908
07- Eugene Laverty – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 0.990
08- Sylvain Guintoli – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198 – + 1.184

La Griglia di Partenza

01- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R
02- Jonathan Rea – Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR
03- Ayrton Badovini – BMW Motorrad Italia GoldBet – BMW S1000RR
04- Davide Giugliano – Althea Racing – Ducati 1198
05- Jakub Smrz – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198
06- Leon Haslam – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR
07- Eugene Laverty – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory
08- Sylvain Guintoli – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198
09- Matteo Baiocco – Barni Racing Team – Ducati 1198
10- Max Biaggi – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory
11- Loris Baz – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R
12- Michel Fabrizio – BMW Motorrad Italia GoldBet – BMW S1000RR
13- Marco Melandri – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR
14- Leon Camier – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000
15- Lorenzo Zanetti – PATA Racing Team – Ducati 1198
16- Carlos Checa – Althea Racing – Ducati 1198
17- Maxime Berger – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198
18- John Hopkins – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000
19- Niccolò Canepa – Red Devils Roma – Ducati 1198
20- Hiroshi Aoyama – Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR
21- Chaz Davies – ParkinGO MTC Racing – Aprilia RSV4 Factory
22- David Salom – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R
23- Leandro Mercado – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R
24- Federico Sandi – Grillini Progea Superbike Team – BMW S1000RR