Juventini indimenticabili: Pietro Anastasi

Juventini indimenticabili: Pietro Anastasi

Dissero subito: "Come calciatore è un paradosso". Avevano ragione.

La lacuna più evidente di Anastasi finiva per essere la sua arma segreta; risolveva i problemi creati dal palleggio incerto con uno scatto ed una velocità impressionante. Lo stop appariva sempre, o quasi, approssimativo, ma lui riusciva a raggiungere la palla prima degli avversari. Pietro Anastasi, è stato un centravanti importante sia per la Juventus, che per la Nazionale ed, a lungo, ha rappresentato un modello per i giovani del più profondo Sud alla ricerca di quell’affermazione sportiva che, ogni tanto, diventa vero riscatto sociale. Nasce a Catania, e la famiglia non è ricca. "Sette persone in due stanze", ha raccontato un giorno. Come per altri ragazzi, il suo primo problema fu la scuola, visto che non gli piaceva. Un giorno in classe ed un altro in piazza con una palla fra i piedi spesso nudi per non rovinare le scarpe. Poi il calcio diventò la sua ragione di vita. La carriera fu rapida e, naturalmente, il successo arrivò presto. Due anni nella Massiminiana (girone F della serie D) e trasferimento al Varese nel 1966.

 
Due stagioni in Lombardia e poi la Juventus che vinse la serrata concorrenza dell’Inter: fu pagato un prezzo record, 660 milioni. È il 1968, un anno magico per il calcio italiano. In Italia si disputa il campionato d’Europa e, per la Nazionale è l’occasione per tornare fra le grandi potenze del calcio. La sera di sabato 8 giugno, allo stadio Olimpico, l’Italia è in finale contro la Jugoslavia. Anastasi esordisce in azzurro, ma non si distingue in una squadra che non soddisfa. Il pareggio 1-1 è un premio immeritato per i nostri colori, ma due giorni più tardi, nella finale-bis, c’è una prova d’orgoglio degli italiani. È il trionfo: goal di Riva e, bellissima, in mezza rovesciata, la replica di Pietruzzu.
 
Molto intuito, nel gioco di questo calciatore, molto genio e, purtroppo, anche molta sregolatezza: sarà il suo limite. Due anni più tardi, è atteso con curiosità al Mundial messicano. È in gran forma, ma uno stupido incidente lo costringe al forfait poche ore prima della partenza. Lo sostituisce Roberto Boninsegna che, più tardi, prenderà il suo posto anche nella Juventus. Partecipa anche al Mondiale del 1974 ma, a quel punto, la carriera di Pietro è già verso l’epilogo. In Nazionale giocherà 25 gare ed in totale realizzerà 8 volte.
 
"Le mie qualità migliori erano lo scatto, la velocità e l’altruismo. E seppur scendessi in campo, anche in Nazionale, con la maglia numero nove, spesso mi posizionavo sulla sinistra, per effettuare dei cross a favore del compagno di reparto. Insomma, ero un uomo d’area che sapeva anche manovrare".
 
Quando, per la prima volta, arriva in Galleria San Federico, sede juventina, è senza cravatta, ed il presidente di allora, Vittore Catella, lo avverte: "Quando si presenta in sede sarà bene, d’ora in avanti, che si vesta con regolare camicia e cravatta". Ma il contratto è buono e la cifra concordata anche. L’allenatore è Heriberto Herrera, il Ginnasiarca, uno che non cerca e non concede simpatia. Ad Anastasi, che in allenamento non riesce ad interpretare uno dei tanti schemi, una volta urla, davanti a compagni, giornalisti e tifosi: "Tonto, stia a guardare, perché lei non capisce niente!"
 
È un rapporto, questo con la Juventus, che non sarà mai sereno. Quando torna a segnare con una certa continuità, allo stadio compare uno striscione: Anastasi, il Pelè bianco. Le cifre: 302 partite e 129 goal, il 1971/72 è l’anno del suo primo scudetto, subito bissato l’anno seguente. Il terzo tricolore lo conquista nel 1974/75, sempre in bianconero, naturalmente. Lascia la Juventus per l’Inter, nel 1976/77, poi l’Ascoli e l’addio ai campi di calcio con un bilancio brillante. Anni dopo disse: "Andai via, perché ebbi un litigio con Parola, dopo una trasferta in Olanda, ma con la società sono sempre rimasto in ottimi rapporti. Alla Juventus è dove mi sono trovato meglio e rimarrò sempre un tifoso juventino".