Sara Errani, nessun rimpianto

Dopo aver vinto il Roland Garros in doppio, Sara Errani non può rimproverarsi proprio nulla in questo torneo. Si è semplicemente arresa ad un'avversaria più forte di lei.

Sara Errani, nessun rimpianto
Getty Images

Parigi - Ci eravamo abituati troppo bene ma dobbiamo ringraziare comunque Sara Errani per averci regalato una settimana di emozioni anche in questa edizione del Roland Garros. La terza consecutiva che ha portato in finale un’italiana nel più importante torneo del mondo tra quelli che si giocano sulla terra battuta.

La Errani non poteva giocare meglio di quello che ha fatto durante il torneo ed anche nella finale. Ha perso solo perché la Sharapova ha giocato in questa occasione il suo tennis migliore che è ancora fuori dalle possibilità della Errani. La partita non ha offerto alla nostra giocatrice alcuna possibilità. La superiorità della Sharapova è stata costante senza che ci sia stato un solo momento in cui è stato possibile sperare che si verificasse una sorpresa. Più potente e più sicura negli scambi da fondo la giocatrice russa, La Sharapova ha vinto nell’occasione il quarto torneo del Grande Slam della sua carriera ed anche l’unico che le mancava, dopo i tre che aveva già conquistato.

La Errani non può rimproverarsi nulla. Il livello di gioco proposto dalla Sharapova era certamente fuori della sua portata. Si è conquistata la simpatia e gli applausi del pubblico con alcune coraggiose iniziativa ma non è mai riuscita a mettere in dubbio il risultato. Per rovesciare il pronostico sarebbe stato necessario che la Sharapova ripetesse una di quelle prestazioni che le avevano fatto perdere da favorita, qualche altra finale dello Slam ma sabato non c‘è stata questa possibilità e dobbiamo accettare questo verdetto ringraziando la Errani per quello che ha fatto.