Giro di Svizzera 2018, il percorso tappa per tappa

Giro di Svizzera 2018, il percorso tappa per tappa

Cronosquadre e cronometro individuale per aprire e chiudere la corsa. In mezzo due arrivi in salita e diverse tappe mosse.

Andrears
Andrea Russo Spena

Prende il via sabato 9 giugno, con una cronometro a squadre, l'edizione 2017 del Giro di Svizzera, altra corsa - insieme al Giro del Delfinato - che si disputa in preparazione al Tour de France. Sono diversi i grandi nomi che quest'anno saranno alla partenza di Fraunfeld: dall'australiano Richie Porte (BMC) al colombiano Nairo Quintana (Movistar), dallo spagnolo Mikel Landa (Movistar) al danese Jakob Fuglsang, senza dimenticare vari outsider, come il vincitore della scorsa edizione, lo sloveno Simon Spilak (Katusha-Alpecin). Lotteranno per la classifica generale anche i vari Wilco Kelderman (Team Sunweb), Ion Izaguirre (Bahrain-Merida), Patrick Konrad (Bora-Hansgrohe), Bauke Mollema (Trek-Segafredo), Steven Krujiswijk (Lotto-Jumbo) e Rui Costa (Team UAE Emirates). Presente il colombiano Fernando Gaviria (Quick-Step Floors), principale favorito per gli arrivi in volata, in una corsa nobilitata dalla partecipazione di Peter Sagan (Bora-Hansgrohe) e Philippe Gilbert (Quick-Step Floors). Nove tappe complessive, due con arrivi in salita e con una cronometro individuale che chiuderà la manifestazione:

1^ tappa (sabato 9 giugno). Fraunfeld - Fraunfeld (18.3 km, cronometro a squadre). Si comincia con una cronosquadre, su un tracciato mosso nella prima parte. Un paio di strappi, a Weinigem e Herdern, prima di una discesa e degli ultimi chilometri in pianura.

2^ tappa (domenica 10 giugno). Fraunfeld - Fraunfeld (155 km). Si rimane a Fraunfeld anche per la prima frazione in linea, che si svolge su un circuito di 39 km, da ripetere quattro volte. Lo strappo di Herdern (gran premio della montagna di terza categoria, 1.7 km all'8.1%) renderà movimentata la corsa.

3^ tappa (lunedì 11 giugno). Obersthammeim - Gansingen (182.8 km). Frazione dura, che diventa davvero impegnativa negli ultimi sessanta chilometri di corsa. Anche qui ecco un circuito, di 29.9 chilometri, da ripetere due volte: sul percorso da affrontare le asperità di Hagenfirst (terza categoria, 2.1 km al 6.1%) e di Burersteig (terza categoria, 2.2 km al 6.4%).

4^ tappa (martedì 12 giugno). Gansingen - Gstaad (189.4 chilometri). Solo una salita tra i velocisti e lo sprint finale, quella del Saanenmöser (seconda categoria, 7.2 km al 4.6%), la cui vetta è posta a una decina di chilometri dalla conclusione. 

5^ tappa (mercoledì 13 giugno). Gstaad - Leukerbad (155.7 km). Primo arrivo in quota, a Leukerbad, al termine di una salita tutto sommato pedalabile (prima categoria, 14 km al 4.5%). In avvio ecco il Col du Pillon (prima categoria, 6.7 km al 5.3%). A seguire la scalata verso Montana (HC, 13.9 km al 5.6%).

6^ tappa (giovedì 14 giugno). Fielsch - Gommiswald (186 km). Due le grandi salite, ma lontane dal traguardo: si comincia con il Furkapass (HC, 16.6 al 6.4%), si prosegue con il Klausenpass (HC, 23.7 km al 6.1%), dalla cui vetta mancheranno però sessanta chilometri alla conclusione. Finale caratterizzato da un breve strappo a Gommiswald.

7^ tappa (venerdì 15 giugno). Eschenbach/Atzmannig - Arosa (170.5 km). Frazione mossa nei primi sessanta chilometri, poi tanta pianura prima dell'ascesa finale che conduce ad Arosa, lunga 27.4 chilometri, al 4.2% di pendenza media: l'ultimo tratto è il più impegnativo.

8^ tappa (Sabato 16 giugno). Bellinzona - Bellinzona (123.8 km). Altra frazione che si svolge all'interno di un circuito di 21.5 chilometri, da ripetere sei volte. Diversi saliscendi, possibile arrivo in volata. 

9^ tappa (domenica 17 giugno). Bellinzona - Bellinzona (34.1 km, cronometro individuale). La corsa si conclude con una cronometro relativamente lunga. 34 chilometri non completamente pianeggianti, ma comunque per specialisti.

VAVEL Logo