Tour de France 2018, la presentazione della diciottesima tappa

A Pau, possbile duello tra le ruote veloci presenti in gruppo.

Tour de France 2018, la presentazione della diciottesima tappa
Tour de France 2018, la presentazione della diciottesima tappa

Nairo Quintana si toglie gli occhialini, procede a passo spedito verso la vetta. Rinasce al tramonto del Tour, doma una tappa breve ma selvaggia. Dietro, Geraint Thomas sigilla la maglia gialla, controlla Dumoulin e allunga nella generale, complice il crollo di Chris Froome, ora lontano e costretto a difendere il podio. Prima delle ultime fatiche, una tornata di ristoro, tornano a prendere possesso della scena i velocisti. Pochi sono ancora presenti in gruppo, la chance è quindi ghiotta. Demare e Kristoff sono a caccia di un acuto, Degenkolb - una vittoria e diversi piazzamenti - è il terzo incomodo. Colbrelli la freccia tricolore, senza dimenticare Sagan, fiaccato da una brutta caduta e da valutare. 

La tappa n.18 parte da Trie-Sur-Baise, i chilometri da percorrere sono 171. Si arriva a Pau, due i GPM dislocati lungo il percorso. La Cote de Madiran - km53.5 - spezza la monotonia di corsa, fornisce un appiglio ad eventuali attaccanti. 1.2 chilometri, pendenza media del 7%. Il traguardo volante di Aurensan è posto poco dopo, apre alla seconda porzione. Il disegno non è lineare, ci sono diversi saliscendi da interpretare con attenzione. Rischia di essere decisiva la Cote d'Anos. 2.1 chilometri, 4.6% di pendenza media. Mancano 19 chilometri al termine, scollinare con un gruzzoletto di secondi può risultare fondamentale. 

Dopo Morlaas, picchiata e finale pianeggiante, ampio spazio per organizzare lo sprint, per costruire un treno vincente. Il via alle 14, diretta come di consueto su Rai3 ed Eurosport. 

L'attuale classifica generale