Europei nuoto sincronizzato: Ferro-Cerruti, bronzo nel duo tecnico

Prima medaglia per l'Italia agli Europei di nuoto sincronizzato di Glasgow 2018. Linda Cerruti e Costanza Ferro conquistano il bronzo nella gara del duo tecnico. Oro per la Russia, bronzo per l'Ucraina. La squadra azzurra, chiude al quarto posto le eliminatorie della prova a squadre.

Europei nuoto sincronizzato: Ferro-Cerruti, bronzo nel duo tecnico

Grandi emozioni al Scotstoun Sports Campus di Glasgow, nella prima giornata di gare degli Europei di nuoto sincronizzato 2018

L’Italia si dimostra subito grande protagonista conquistando una splendida medaglia di bronzo nella prima finale in programma, quella del duo tecnico. La coppia d’acciaio del sincro azzurro, Linda Cerruti e Costanza Ferro, sulle note di “Concerto for Violin Strings & Basso” di Leonard Bernstein e coreografia di Gana Maximova, hanno ben impressionato in acqua ottenendo il terzo punteggio di 89.7519 (27.1000 nell’esecuzione, 27.2000 nell’impressione artistica e 35.4519 nella difficoltà della routine). La coppia italiana, dopo il sesto posto ottenuto ai Mondiali di Budapest dello scorso anno e il podio continentale conquistato nel 2016, ha avuto la meglio sulla coppia spagnola formata da Sara Lopez Saldana / Paula Ibanez Ramirez (89.5215) grazie al punteggio ottenuto nel secondo e nel terzo parametro di valutazione. 

Obiettivo raggiunto per le azzurre, vittoria attesa e conquistata per la Russia, regina indiscussa della specialità. La coppia formata da Varvara Subbotina e da Svetlana Kolesnichenko, infatti, centra l’oro con il punteggio di 95.1035 figlio di un’esibizione splendida. A nulla è servita l’ottima interpretazione della coppia ucraina formata da Yelyzveta Yakhno e Anastasiya Savchuk sulle note della colonna sonora di un film di James Bond: per le eterne rivali è ancora argento con il punteggio di 92.6188.

GARA A SQUADRE Per quanto riguarda la competizione a squadre, dopo le eliminatorie del programma libero, l’Italia è quarta con il punteggio di 90.8333. Virtualmente in testa la Russia (95.5000) seguita da Ucraina (93.4333) e Spagna (91.333).