Beach Volley: Greta Cicolari ricorre alla Corte Federale

La beacher azzurra, in attesa di scontare la squalifica di 13 mesi, continua a chiedere giustizia. Prossima tappa l'udienza il 26 giugno presso la Corte Federale.

Beach Volley: Greta Cicolari ricorre alla Corte Federale
© Damiano Levati/Red Bull Content Pool

E’ fissata al giorno 26 Giugno l’udienza presso la Corte Federale FIPAV dopodiché , se confermata la squalifica, si rivedrà Greta in campo a dicembre 2014 (difficile anche un’intervento del CONI visto l’inammissibilità del ricorso per la prima squalifica). In caso di un altro rigetto l’unica strada percorribile sarà il TAR del Lazio.

L’atleta commenta su facebook:
«Giusto per dovere di cronaca vi comunico che il mio ennesimo ricorso alla Corte Federale Fipav, fissato "ben" 1 mese dopo la seconda sentenza Caf, verrà trattato il 26 Giugno.
Ovviamente ripongo pochissima fiducia in un esito positivo dato i precedenti.
Comunque mi sto allenando quotidianamente e se mi lasceranno tornare in campo, come penso sarebbe più che giusto dopo così tanti mesi, sarò pronta.
Altrimenti il mio rientro avverrà a metà Dicembre, ma avverrà....


Un abbraccio a tutti»

****
La sanzione inflitta a Greta è paragonabile ad un illecito sportivo o a una squalifica per doping eppure nessuna delle due riguarda la bergamasca. Nelle altre federazioni la sospensione dalla pratica agonistica è strettamente legata all’attività esercitata sul campo e nella maggior parte dei casi per punizioni differenti si parte da multe pecuniarie.

Spesso con il passare del tempo si tende a rimuovere la motivazione principe che ha spinto la Federazione Italiana Pallavolo a proclamare la prima sospensione. La FIPAV ha ritenuto che l’utilizzo dell’epiteto “caprone nero” e “uomo nero” su twitter fossero indirizzati all’ex ct Lissandro (che nel frattempo ha preso la valigia ed ha salutato l’Italia) e ritenendoli allusivamente offensivi e denigratori ha provveduto ad emanare la prima squalifica di 6 mesi.

È possibile che per un’atleta azzurra che ha dato e ricevuto tanto dal movimento non si sia trovata una strada alternativa? Era proprio necessario sospenderla per 13 mesi da qualsiasi attività federale compresi i tornei amatoriali? Ma soprattutto, potremmo nuovamente  veder giocare Greta a dicembre 2014 oppure si sta verificando quella agghiacciante minaccia del gm Libezio Conti?