Atletica - Diamond League, Montecarlo: super Semenya sugli 800, cade Kiprop, la Schippers domina i 100

La sudafricana incanta sugli 800 con il nuovo record nazionale, il keniano è solo sesto nei 1500, l'olandese è l'unica sotto gli 11"00 nei 100.

Atletica - Diamond League, Montecarlo: super Semenya sugli 800, cade Kiprop, la Schippers domina i 100
Foto: Diamond League

Caster Semenya regala la miglior performance a Montecarlo. La sudafricana conquista in modo perentorio gli 800 e fissa il nuovo limite nazionale in 1'55"33. Gara ad alto contenuto, perché le avversarie non sono da meno. La Niyonsaba corre in 1'56"24 - anche in questo caso è NR - la Sum in 1'57"47. Sono ben cinque le atlete sotto la barriera dell'1'58, con la nostra Santiusti che chiude nona, col suo miglior tempo di stagione, 2'00"04. 

Dafne Schippers - con mezzo metro di vento contro - domina i 100 (10"94), precedendo l'esperta Campbell Brown. Delude l'americana Bartoletta, solo quinta in 11"21. 

Non tradisce le attese Van Niekerk. Sul giro di pista, il sudafricano regola Cedenio e Taplin. 44"12 per il vincitore. Alonso Edward primeggia invece sui 200 - 20"10 - con Lemaitre alla piazza d'onore. Nei 110hs, tripletta europea. Ortega - 13"04 - anticipa il duo francese Bascou - Martinot Lagarde. Sui 400hs, questa volta al femminile, strepitosa prestazione della britannica Eilidh Doyle. 54"09 e nuovo primato personale. Seconda è la Tate, male la Little. 

Volata negli 800. Alfred Kipketer - 1'44"47 - brucia il campione d'Europa Kszczot, terzo è l'altro polacco Lewandowski. Il Kenia si impone anche sui 1500, ma non con il favorito Kiprop. Kwemoi - 3'30"49 - taglia per il primo il traguardo. Manangoi chiude secondo. Quarto Iguider, quinto un positivo Mo Farah, Kiprop è sesto. 

Vittoria d'ordinanza nei 3000 siepi per C.Kipruto. 8'08"11 per domare P.K.Koech. Nei 3000 D, affermazione della Obiri - 8'24"27 - sulla Cherono.

Malachowski - 65.57 - vince il giavellotto, il giamaicano Forbes - 8.23 - si aggiudica il lungo. Valerie Adams trova il primo oltre 20 metri di stagione - 20.05 - e ferma l'ascesa della tedesca Schwanitz nel peso. La teutonica non replica la misura di Amsterdam ed è seconda. La Stefanidi si prende l'asta - 4.81, poi tre errori a 4.93 - mentre la Khaladovich - 65.62 - comanda il giavellotto (terza la Spotakova). 

A completare il quadro, il triplo femminile. La Ibarguen conferma la sua superiorità con una serie splendida. Salta 14.82 e 14.87, prima di chiudere con un sontuoso 14.97. La Rojas deve alzare bandiera bianca. 14.64 al quinto salto per lei.