Atletica - Assoluti Trieste: 100 a Siragusa e Cattaneo, 400 a Re, lungo a Randazzo, ok la Santiusti

Davide Re si conferma sul giro di pista, Siracusa batte Bongiorni, alto alla Furlani, lungo D alla Strati.

Seconda giornata di assoluti a Trieste. Programma ricco, finali in serie. Cattaneo - 10"24 - vince i 100 davanti a Di Franco e Galbieri, bel duello al femminile, dove la Siragusa - 11"35 - brucia per 4 centesimi la Bongiorni. Davide Re, dopo l'ottimo europeo a squadre, conferma la forma in un contesto nazionale. 46"07 e prima piazza. Chigbolu - 52"31 - batte Spacca tra le donne. La Santiusti - 2'02"80 - non ha rivali negli 800, spalla a spalla al maschile, con Migliorati a regolare Moretti. 1'49"85 per la vittoria. 

Salami - 14'05"59 - e Raffino - 16'30"47 - si aggiudicano i 5000, gli ostacoli riportano il sorriso sul volto di Micol Cattaneo. Titolo in 13"20, terza la sfortunata Borsi. Perini, nei 110, firma un 13"54 discreto. Secondo Fofana, 13"81. Dopo il successo di venerdì della Giorgi, la marcia veste panni maschili, trionfo di Tontodonati, sempre sulla distanza dei 10km. 40'34"09 per lui. 

Fiamme Gialle, tra gli uomini, e Carabinieri, tra le donne, si prendono le staffette 4x100.   

Concorsi - Piantella - 5.40 - precede Stecchi nell'asta U, il lungo, atteso, premia Randazzo. 7.95 al primo salto, Ojiaku è sette centimetri dietro. La Furlani salta 1.88 nell'alto, basta per fermare il ritorno della Rossit - 1.86. 6.59 al quinto balzo per la Strati nel lungo, 19.74 di Bianchetti nel peso. Giavellotto a Fraresso - 77.36 - disco alla Strumillo - 56.15. Infine, 66.81 della Fantini nel martello.