Giro d'Italia 2016, 12° tappa: a Bibione è volata di gruppo

Nessuna insidia lungo il percorso, sfida tra ruote veloci.

Giro d'Italia 2016, 12° tappa: a Bibione è volata di gruppo
Giro d'Italia 2016, 12° tappa: a Bibione è volata di gruppo - Giro d'Italia

La scaramuccia tra Nibali e Valverde introduce alla tappa odierna. Stoccata dello Squalo, risposta del murciano, al momento siamo sul terreno della diatriba verdale, in attesa dei moti di strada. Jungels veste il rosa, Ulissi è la cartolina azzurra. Due successi, il secondo ieri con un colpo di mano da fuoriclasse. 

Oggi, giornata relativamente tranquilla. I chilometri da percorrere sono in totale 182. Si parte da Noale, nessun Gran Premio della Montagna è in programma lungo il percorso. Rifornimento a Oderzo, poco dopo il centesimo chilometro. Il finale presenta un circuito di 8 km, da ripetere due volte. Fuga, rincorsa, volata, questo il piano previsto. 

Nessun problema per le squadre dei velocisti, perché il tracciato consente di organizzare con cura treni e lavoro. Strade ampie, curve non pericolose, il territorio perfetto per uno sprint di gruppo. Il favorito, in queste condizioni, è Greipel. Il tedescone ha margine sulla concorrenza, specie dopo l'addio di Kittel. 

Diversi italiani sulla sua strada, da Modolo a Nizzolo, senza dimenticare Trentin. Ewan e Démare le alternative straniere. 

Nel dettaglio sottostante, l'intero percorso e il finale, come si può notare gli ultimi 300 metri sono pianeggianti, un enorme rettilineo permette di riversare sull'asfalto la massima potenza. 

Il percorso:

Il finale: