Tirreno-Adriatico, a Rohan Dennis la crono finale. Quintana si aggiudica la corsa

L'australiano della BMC vola sul lungomare di San Benedetto del Tronto e si prende l'ultima tappa della Tirreno. Quintana gestisce il vantaggio ed è campione per la seconda volta in carriera. Sul podio lo stesso Dennis e Thibaut Pinot.

Tirreno-Adriatico, a Rohan Dennis la crono finale. Quintana si aggiudica la corsa
Nairo Quintana, vincitore della Tirreno-Adriatico 2017. Fonte: TirrenoAdriatico.it/twitter

E' l'australiano Rohan Dennis ad aggiudicarsi la settima e ultima tappa della Tirreno-Adriatico 2017, una cronometro di dieci chilometri con partenza e arrivo sul lungomare di San Benedetto del Tronto. Il campione nazionale della specialità (Team BMC) fa timbrare un tempo di 11'18", di tre secondi più basso di quello dell'olandese Jos Van Emden (Lotto-Jumbo), a lungo leader virtuale della prova contro il tempo. Terzo, a centesimi di secondo da Van Emden, un altro australiano, Michael Hepburn della Orica-Scott. La maglia azzurra Nairo Quintana (Movistar) si difende senza dannarsi l'anima, confermandosi leader della classifica generale e vincitore di questa edizione della Corsa dei due Mari. Sul podio lo stesso Dennis, secondo, e il francese Thibaut Pinot (FDJ), che si difende dall'assalto dello sloveno Primoz Roglic (Lotto-Jumbo). Deludono Tom Dumoulin (Team Sunweb), Jonathan Castroviejo (Movistar) e Bob Jungels (Quick-Step Floors). Nessun italiano nella top ten finale. 

Rohan Dennis all'arrivo a San Benedetto del Tronto. Fonte: TirrenoAdriatico.it/Twitter

La settima e ultima frazione della Tirreno-Adriatico 2017 è, come ormai tradizione, una cronometro individuale di dieci chilometri, che si snoda intorno al lungomare di San Benedetto del Tronto. Il primo corridore a far segnare un tempo di rilievo è l'olandese Jos Van Emden, seguito dal britannici Stephen Cummings (Dimension Data) e Alex Dowsett (Movistar), dal polacco Maciej Bodnar (Bora-Hansgrohe) e dall'irlandese Ryan Mullen (Cannondale-Drapac). Van Emden trema per la prova dell'australiano Michael Hepburn, che gli finisce alle spalle per questione di centesimi. La corsa si accende quando a partire sono i migliori in classifica generale, ma nessuno, da Bob Jungels a Tejay Van Garderen (BMC), passando per Jonathan Castroviejo e Bauke Mollema (Trek-Segafredo), riesce a superare il tempo di Van Emden. Buona invece la prova di Geraint Thomas del Team Sky, a tredici secondi dal corridore olandese, e quella dello sloveno Primoz Roglic, che si inserisce in quarta posizione. L'ultimo cronoman rimasto in gara è però quello che fa segnare il miglior tempo: si tratta dell'australiano Rohan Dennis, che vola in 11'18" a oltre 53 km/h di media, si aggiudica la tappa e agguanta il secondo posto in classifica generale, strappandolo a un comunque positivo Thibaut Pinot. Nairo Quintana si difende in 11'59" e conquista per la seconda volta in carriera la Tirreno-Adriatico. Chiude invece lontanissimo dai primi Vincenzo Nibali. 

Ordine d'arrivo. 1. Dennis in 11'18". 2. Van Emden a 3". 4. Hepburn s.t. 4. Cummings a 8". 5. Roglic a 11". 6. Bodnar a 15". 7. Boasson Hagen s.t. 8. Thomas a 16". 9. Mullen a 17". 10. Dowsett s.t. 

Classifica generale. 1. Quintana in 25h 56' 27". 2. Dennis a 25". 3. Pinot a 36". 4. Roglic a 45". 5. Thomas a 58". 6. Dumoulin a 1'01". 7. Castroviejo 1'18". 8. Uran a 1'36". 9. Mollema a 1'38". 10. Spilak a 1'59".