Longo Borghini: "Sono felicissima"; paura per la Van Vleuten

La prova di ciclismo femminile è stata una gara dalle mille emozioni, ma due ne sono state le padrone: la gioia per la medaglia italiana e l'apprensione per il destino dell'olandese protagonista di una bruttissima caduta.

Longo Borghini: "Sono felicissima"; paura per la Van Vleuten
Longo Borghini "Sono felicissima"; paura per la Van Vleuten

In una gara pazza come è stata quella femminile ci sono state emozioni differenti: la gioia per il bronzo della nostra Elisa Longo Borghini e la preoccupazione, se non la tristezza, per l'esito della caduta di Annemiek van Vleuten.

Partiamo appunto dalla gioia per il bronzo ottenuto da Elisa Longo Borghini, battuta sul traguardo dalle più quotate Anna Van der Breggen e Emma Johansson. La ventiquattrenne azzurra era la più lenta del lotto di cicliste arrivate a giocarsi l'oro olimpico, per i primi due posti è stato rispettato il pronostico, mentre per il bronzo la nostra Elisa è riuscita a battere una stanchissima Mara Abbott. "Sono felicissima per questa medaglia, perche’ l’ho ottenuta in una gara dal percorso molto difficile. Non credevo fosse cosi’ dura", sono queste le prime parole rilasciate al pubblico da Elisa Longo Borghini, sorella d'arte come ricorderanno gli appassionati di ciclismo maschile. Per Elisa questo bronzo significa il ritorno ad alto livello dopo il bruttissimo incidente di cui è stata vittima nel campionato italiano di tre anni fa, quando la medicarono con ben cento punti di sutura, molti dei quali interni. Infatti la Longo Borghini si concede anche una riflessione sulla discesa dalla salita di Chinesa di cui, rivela, ha parlato con Vincenzo Nibali "Proprio ieri ho parlato con Nibali – racconta ai microfoni Rai – e mi ha detto che si trattava di una discesa molto tecnica, ma anche insidiosa. Quindi l’ho percorsa facendo molta attenzione. Io so so cosa vuol dire avere un brutto incidente, prche’ ne ho avuto uno tre anni fa e ne porto ancora i segni. Ma adesso sono troppo felice per pensarci".

Il brutto, bruttissimo, incidente questa volta lo ha avuto l'olandese Annemiek van Vleuten quando era in testa alla gara. L'olandese è caduta proprio nella discesa di Costa Chinesa, come Nibali e Henao, ma le conseguenze riportate dalla ciclista sono molto più gravi dei due ragazzi di Astana e Sky. La situazione era sembrata sin da subito grave e lo si era capito dal fatto che la van Vleuten non si muoveva, per fortuna però poi ha ripreso conoscenza ed è stata trasportata immediatamente all'ospedale di Rio de Janeiro. Il peggio sembrava essere passato, ma nella notte è arrivata la brutta notizia tanto temuta da tutti: la ciclista olandese ha subito una frattura spinale ed è stata portata immediatamente in terapia intensiva. Fortunatamente però la van Vleuten è stata poi svegliata ed ha rassicurato tutti, fans e non, sulla sua salute con un tweet: “Ora sono in ospedale con qualche frattura, ma starò bene. Sono più che altro delusa dopo aver corso la miglior gara della mia carriera”