Rio 2016, calcio femminile: il ciclone Australia spazza via lo Zimbabwe per 6-1

Le Aussies battono le africane con un punteggio tennistico, ma non basta per superare la Germania seconda classicficata nel girone. L'Australia sarà quindi ripescata tra le migliori terze.

Rio 2016, calcio femminile: il ciclone Australia spazza via lo Zimbabwe per 6-1
Rio 2016, calcio femminile: il ciclone Australia spazza via lo Zimbabwe per 6-1

Il ciclone Australia ha spazzato via lo Zimbabwe  con un 6-1 perentorio nel Gruppo F del torneo olimpico di calcio femminile a Rio 2016, confermando il posto nella fase a eliminazione diretta. Tre le reti nel primo tempo, grazie a Lisa de Vanna, Claire Polkinghorne e Alanna Kennedy, nella ripresa altre tre con Kyah Simon e la doppietta di Michelle Heyman. Le africane tuttavia hanno trovato il gol della consolazione grazie a Msipa Emmaculate.

Le Aussies hanno segnato quasi subito, con Katrina Gorry che ha bucato la difesa dello Zimbabwe sul filtrante dell'ottima Elise Kellond-Cavaliere. La piccola n.3 australiana ha scaricato per De Vanna, che ha portato in vantaggio le oceaniche al secondo minuto. Polkinghorne ha quindi bissato sugli sviluppi di un calcio piazzato: Ellond-Knight assistwoman per l'occasione, con la difesa della compagine africana non in grado di tenere la palla fuori. Alanna Kennedy è poi saltata più in alto di tutti per il 3-0 del primo tempo, ancora una volta su assist di Knight.

Dopo la pausa, Simon ha agganciato alla perfezione il suggerimento in profondità di Steph Catley finalizzando al meglio di fronte al portiere avversaria Dzigirai. Poi, Heyman ha segnato di testa il quinto gol delle Aussie e più tardi ha capitalizzato al meglio l'assist di Emily van Egmond. La squadra di Alen Stajcic ha spinto in continuazione alla ricerca del settimo gol, che l'avrebbe messa sopra la Germania, al secondo posto in classifica, ma lo Zimbabwe è riuscito a reggere negli ultimi 25 minuti e ha segnato il gol della bandiera con Emmaculate, autrice di un bel dai-e-vai con  Nyaumwe, aprendo cosi la difesa australiana.

Il risultato finale, quindi, ha lasciato l'Australia al terzo posto nel girone, con la certezza di essere una delle migliori terze classificate per il ripescaggio.