Volley F, un'analisi della Nazionale di Bonitta in vista del torneo preolimpico di Tokyo

La Nazionale femminile di volley è arrivata a Tokyo in vista del torneo pre olimpico che inizierà il 14 maggio. Un'analisi alle convocazioni del ct. Bonitta

Volley F, un'analisi della Nazionale di Bonitta in vista del torneo preolimpico di Tokyo
Volley F, un'analisi della Nazionale di Bonitta in vista del torneo preolimpico di Tokyo

E' partita la spedizione della Nazionale di Bonitta verso Tokyo, sede del torneo pre-olimpico che si svolgerà dal 14 al 22 maggio. Questa è l'ultima possibilità per le Azzurre per qualificarsi alle Olimpiadi di Rio 2016. La formula prevede un round robin dal quale si qualificheranno per Rio la migliore asiatica e le migliori tre squadre della graduatoria finale. A giocarsi i posti per Rio, oltre all'Italia, saranno l'Olanda, il Giappone, la Corea del Sud, il Kazakistan, il Perù, la Repubblica Dominicana e la Thailandia.

L'Olanda appare la grande favorita, ma l'Italia ha di certo tutte le qualità per arrivare nei primi tre posti della graduatoria; infatti, a parte l'Olanda che ha sempre battuto la Nazionale di Bonitta negli ultimi scontri, le altre squadre sono ampiamente alla portata delle Azzurre. Naturalmente non dovrà mancare mai il giusto atteggiamento e concentrazione, e la gestione ottimale delle energie. Giappone e Corea sono sempre squadre difficili da affrontare, specialmente quando giocano in casa, e ci vorrà molta pazienza con le loro difese, ma il livello non è superiore a quello delle Azzurre. Occhio anche alla Repubblica Dominicana, che con la fisicità e l'esuberanza delle sue giovani atlete può sempre mettere in difficoltà molte squadre.

Il ct. Bonitta ha convocato 15 atlete, anche se nella lista ufficiale ne dovranno figurare 14: l'ultima esclusa verrà decisa a Tokyo anche in base alle condizioni fisiche di alcuni elementi della squadra. C'è il ritorno di Francesca Piccinini e Serena Ortolani dopo una grande stagione rispettivamente a Casalmaggiore e Conegliano, di certo un'iniezione di talento ed esperienza che può fare solo bene a questo gruppo; ci sono molte conferme tra le Azzurre che hanno partecipato al pre-olimpico di gennaio in Turchia, e molte conferme tra le giovani del Club Italia. Ma vediamo nel dettaglio, ruolo per ruolo, chi ha scelti il ct. Bonitta:

Palleggiatrici: Alessia Orro, Ofelia Malinov. Doveva esserci Noemi Signorile, ma un infortunio alla schiena l'ha bloccata ed al suo posto è stata chiamata la Malinov. Linea giovane dunque, quella scelta da Bonitta. Il talento non manca alle due giovani Azzurre, forse un po di esperienza sì, soprattutto nel gestire la pressione o eventuali momenti di difficoltà in un torneo nel quale il margine di errore è davvero minimo. Personalmente avrei portato una palleggiatrice un po più esperta, ma è pur vero che Orro e Malinov hanno lavorato benissimo tutto l'anno con Bonitta, sono cresciute molto ed hanno disputato un buonissimo campionato con il Club Italia: nessuno meglio di loro conosce i dettami di Bonitta ed il tipo di gioco e di lavoro che il ct. vuole dalle sue palleggiatrici; quindi scelta forse un po rischiosa, ma che ci sta tutta.

Opposto: Serena Ortolani, Nadia Centoni, Valentina Diouf. Reparto di grande qualità, dove la punta di diamante è la Diouf, chiamata a guidare il nostro attacco, ma la Ortolani dopo una grande stagione a Conegliano può dare una grande mano sia per far rifiatare la Diouf, sia per affiancarla e giocare in banda, viste le sue qualità anche in difesa, per essere più offensivi. La Centoni rappresenta un'alternativa di esperienza ed anche un punto di riferimento all'interno del gruppo con la sua carica ed il suo entusiasmo.

Schiacciatrici: Francesca Piccinini, Alessia Gennari, Antonella Del Core, Miriam Sylla, Paola Egonu. La novità più importante è il ritorno della Piccinini dopo la grande stagione a Casalmaggiore; lei e la Del Core rappresentano quell'innesto di classe, talento ed esperienza necessari per poter aspirare al massimo risultato. Conferma per Paola Egonu, la più bella sorpresa del pre-olimpico di gennaio: con molte partite in pochi giorni la sua freschezza sarà importante. Conferma anche per la Gennari, che ha finito la stagione in crescendo a Bergamo ed ha dimostrato di poter essere importante e prendersi responsabilità in attacco ed in difesa. La Sylla ha finito anche lei la stagione molto bene a Bergamo e porta tanto entusiasmo e un grande apporto in difesa.

Centrali: Martina Guiggi, Cristina Chirichella, Anna Danesi. Mix di esperienza e gioventù: la Guiggi è stata la migliore delle centrali a gennaio e sicuramente è un punto fermo. Ci si aspetta qualcosa in più dalla Chirichella, fermata da qualche guaio fisico a gennaio e chiamata ora a recitare un ruolo da protagonista. Anna Danesi è un'altra giovane del Club Italia, presente nel gruppo già a gennaio, ed ha dimostrato ottime qualità; di sicuro è un buonissima alternativa.

Liberi: Monica De Gennaro, Imma Sirressi. Conferma naturale per Monica De Gennaro, miglir libero ai Mondiali 2014 e che anche quest'anno si è espressa su ottimi livelli. Gradito ritorno in Nazionale per Imma Sirressi, anche lei protagonista della grande stagione di Casalmaggiore che si è conclusa con la vittoria della Champions League; di certo una giocatrice di ottimo livello per affiancare la De Gennaro.

Insomma, per dirla con Bonitta, un mix di esperienza e gioventù, ma tutto sommato anche di poliedricità: il gruppo dovrebbe avere tutte le caratteristiche per riuscire a centrare l'obiettivo della qualificazione olimpica. Al responso del campo, come sempre, l'ardua sentenza.