Volley M - La Sir Safety Perugia guida solitaria la classifica della Superlega UnipolSai

I campioni d'Italia hanno sbancato il PalaPanini e quindi l'Azimut è scivolata al secondo posto. Terza è la sorprendente Bunge Ravenna.

Volley M - La Sir Safety Perugia guida solitaria la classifica della Superlega UnipolSai
Volley M - La Sir Safety Perugia guida solitaria la classifica della Superlega UnipolSai

La sesta giornata della Superlega maschile UnipolSai di serie A1 di volley ci ha detto che: Perugia è da sola in testa alla classifica, la Lube ha vinto con autorità a Modena, facendo scivolare l'Azimut al secondo posto, Ravenna a sorpresa è la terza forza del campionato.

Biosì Indexa Sora vs Sir Safety Conad Perugia 1-3 (20-25, 26-28, 25-21, 21-25). Gli umbri del presidente Gino Sirci hanno centrato la sesta vittoria di fila in campionato e sono rimasti da soli in vetta alla classifica. I ciociari hanno provato a giocarsela e hanno messo davvero paura alla capolista. Lorenzo Bernardi nel quarto set è stato costretto a mettere in campo i titolari per venire a capo della matassa laziale. Ai padroni di casa purtroppo non sono bastati i 32 punti di Dusan Petkovic.

Azimut Modena vs Lube Civitanova Marche 1-3 (25-21, 19-25, 23-25, 21-25). In un PalaPanini sold out si è giocata la partita clou della sesta giornata. Hanno prevalso gli ospiti di Giampaolo Medei. La Lube ha avuto il merito di non perdere la testa dopo aver perso il primo set, deciso dal servizio di Maxwell Holt. Ha conservato la lucidità pure quando si è trovata sotto per 19-15 nel quarto, piazzando la rimonta vincente. Osmany Juantorena sa ancora fare la differenza, così come Sokolov ma anche Sander. A Modena non sono bastati Earvin Ngapeth, il già citato Holt e Giulio Sabbi. La forza del collettivo marchigiano si è fatta sentire.

Bunge Ravenna vs Kioene Padova 3-1 (23-25, 25-13, 25-21, 25-19). I romagnoli di Fabio Soli hanno prevalso in rimonta e conquistato il quarto successo di fila tra le mura amiche, issandosi al terzo posto in classifica. L'autentico trascinatore di Ravenna con i suoi 19 punti è stato Poglajen. Nella vittoria dei romagnoli hanno inciso non poco anche i 10 muri vincenti.

Per quanto riguarda le altre partite ha fatto molto rumore la quarta sconfitta in 6 partite della Diatec Trentino di Angelo Lorenzetti. I dolomitici sono caduti in casa nel derby dell'Adige contro la Calzedonia Verona di Nikola Grbic. Gli scaligeri sono stati superiori agli avversari nei fondamentali di: muro, attacco e difesa. Ad Angelo Lorenzetti spetterà il compito di capire che cosa non va nella sua formazione e cercare al più presto di risolverlo. 

La settima giornata sarà spalmata su più giorni causa gli impegni nelle Coppe Europee di alcune formazioni. L'incontro più importante sarà domenica e verrà ripreso dalle telecamere Rai, tra Calzedonia Verona e Bunge Ravenna.